cronologia

  1. In corso
  2. 2017
  3. 2016
  4. 2015
  5. 2014
  6. 2013
  7. 2012
  8. 2011
  9. 2010
  10. 2009
  11. 2008
  12. 2007
  13. 2006
  14. 2005
  15. 2004
  16. 2003
  17. 2002
  18. 2001
  19. 2000
  20. 1999
  21. 1998
  22. 1997
  23. 1996
  24. 1995
  25. 1994
  26. 1993
  27. 1992
  28. 1991

Accademia di belle arti di Roma

2014-2016

Abbiamo realizzato la schedatura della serie Fascicoli dei docenti e degli studenti dell’archivio dell’Accademia di belle arti di Roma.

Committente: Soprintendenza archivistica del Lazio

Il lavoro è stato svolto da Barbara de Iudicibus.

Accademia nazionale delle scienze detta dei XL

1998-1999, 2005

Sulle carte più antiche dell’Accademia dei XL (1786-1948), già ordinate e descritte nella Guida all’Archivio storico dell’Accademia nazionale delle scienze detta dei XL (a cura di G. Paoloni e M. Tosti-Croce, Roma, 1984) è stato svolto un intervento di verifica dello stato di ordinamento e conservazione. L’archivio – costituito per lo più di corrispondenza, manoscritti e carteggio amministrativo – ha una consistenza di circa 100 scatole e comprende le carte prodotte dalla fondazione (1782) ai tardi anni ’40 del Novecento. La documentazione prodotta tra il 1950 e il 1990, la cui consistenza è di circa 40 metri lineari, è stata ordinata e descritta in una guida sommaria che permette l’orientamento tra le diverse serie.
Nel 2005 il lavoro di riordinamento e descrizione è stato perfezionato, giungendo a un inventario organico delle carte istituzionali. L’inventario è pubblicato sul sito del progetto Lazio’900, cui l’Accademia aderisce.

Committente: Accademia nazionale delle scienze detta dei XL

Il lavoro 1998-1999 è stato svolto da Nicola Pastina; quello del 2005 da Roberta Sibbio.

Ageno Mario, fisico

2001-2002

L’archivio di Mario Ageno (54 scatole, 1914-1993) conserva dattiloscritti preparatori delle pubblicazioni, delle conferenze, dei testi universitari, dei libri, materiale relativo alla carriera scientifica e all’attività di ricerca, oltre a una significativa documentazione sul laboratorio di Fisica della Sanità, di cui Ageno fu direttore.
Il lavoro sul fondo ha prodotto un elenco di consistenza con la descrizione sommaria per unità archivistiche, smistate in raggruppamenti per tipologia documentaria. È stato elaborato successivamente anche l’inventario analitico poi riversato sul software GEA 4 allora in dotazione presso il Dipartimento. Successivamente, la base dati è stata migrata sull’applicativo Archiui. L’inventario è consultabile sul sito del Dipartimento di Fisica.

Committente: Università degli studi di Roma La Sapienza. Dipartimento di Fisica

Il lavoro di inventariazione è stato svolto da Emanuela Mazzina.

Amaldi Edoardo, fisico

1992-1996, 2017

L’archivio di Edoardo Amaldi (1908-1992) è uno degli archivi di personalità scientifiche più imponente per consistenza (631 scatole) tra quelli in possesso dell’Università di Roma “La Sapienza”. Sono stati elaborati nel corso del tempo diversi strumenti di consultazione delle sezioni pervenute al Gruppo di Storia della Fisica dagli eredi dello scienziato e dal Dipartimento stesso. Sono state schedate circa 28.000 lettere con DBIII plus secondo il tracciato elaborato dal Gruppo per gli archivi di scienziati. Dalla schedatura è stato elaborato un elenco calendariale della corrispondenza. Il progetto di riordinamento e inventariazione è opera di Lucia Orlando, membro del Gruppo di Storia della Fisica.
Il nuovo versamento, costituito da fotografie e quaderni, necessita di un nuovo intervento archivistico, che stiamo svolgendo.

Committente: Università degli studi di Roma La Sapienza. Dipartimento di Fisica

Hanno partecipato al lavoro Riccardo Bassani, Federica Favino, Emanuela Mazzina, Piero Santoni, Nicoletta Valente. La schedatura delle fotografie e dei quaderni versati in un secondo tempo è affidata a Nicoletta Valente.

Archivi dei teatri di Roma

2006

Obiettivo del progetto è stato quello di raccogliere informazioni sullo stato degli archivi dei teatri di Roma. Un lavoro preliminare ha prodotto un elenco di 30 teatri da contattare e visitare. Il risultato finale del censimento ha riguardato 14 strutture: Accademia nazionale di arte drammatica Silvio d’Amico, Argentina, Argot studio, Belli, dell’Orologio, del Vascello, de’ Servi, Eliseo, Festival RomaEuropa, La Comunità, Politecnico, Rossini, Tor di Nona, Vittoria.

Committente: Soprintendenza archivistica del Lazio

Il lavoro è stato svolto da Nicoletta Valente in collaborazione con Regina Franceschini.

Archivi dell’assistenza all’infanzia di Roma e provincia

2004, 2006

Oggetto di un primo intervento sugli archivi dell’assistenza all’infanzia di Roma e provincia sono stati tre nuclei documentari prodotti rispettivamente dall’Istituto provinciale per l’assistenza all’infanzia di Roma – IPAI, dall’Ufficio assistenza infanzia riconosciuta – UAIR e dal Servizio maternità e infanzia (che acquisisce funzioni e carte della Federazione provinciale di Roma dell’Opera nazionale maternità e infanzia – ONMI). Obiettivo del lavoro è stata l’individuazione e la descrizione delle principali serie documentarie, la loro collocazione più razionale nei depositi, la selezione dei documenti da destinare allo scarto.
Abbiamo in seguito realizzato l’inventario analitico dell’archivio dell’IPAI utilizzando il software Gea 4.0.

Committente: Provincia di Roma

Il primo intervento è stato svolto da Nicola Pastina e Susanna Oreffice con la collaborazione di Laura Cicconi. L'inventario dell'IPAI è opera di Arianna Franceschini, Francesca Garello e, per una serie, Federica Frisenda.

Archivi delle casse previdenziali

2010-2011

Abbiamo operato una ricognizione degli archivi di alcune casse previdenziali, dei quali è stata rilevata la consistenza, lo stato di conservazione, la localizzazione, le attrezzature, i regolamenti archivistici interni, l’eventuale avvio del protocollo informatico.

Committente: Soprintendenza archivistica del Lazio

Il lavoro è stato svolto da Marzia Azzolini e Susanna Oreffice (coordinamento).

Archivi delle scuole superiori di Roma e provincia

2004-2006

Obiettivo del progetto era di raccogliere informazioni sullo stato degli archivi delle scuole superiori statali istituite a Roma e provincia tra il 1870 e il 1962 (data della legge sulla scuola media unificata). Il lavoro, svolto in collaborazione con la Soprintendenza archivistica per il Lazio e l’Istituto per la storia d’Italia dal fascismo alla Resistenza di Roma (IRSIFAR), è stato pubblicato in Memorie di scuola. Indagine sul patrimonio archivistico delle scuole di Roma e provincia (Milano, Franco Angeli, 2006), pp. 37-77.

Committente: Soprintendenza archivistica del Lazio

Il lavoro è stato curato da Roberta Sibbio e Nicoletta Valente.

Archivio delle associazioni e rappresentanze studentesche universitarie

1994-1995

Presso la LUISS si costituì, su iniziativa di Guglielmo Negri e Gaetano Quagliariello, l’Associazione “Archivio delle associazioni studentesche universitarie”, con lo scopo di raccogliere e valorizzare la documentazione conservata da alcuni protagonisti degli organismi locali e nazionali di rappresentanza degli studenti universitari italiani tra il 1945 e il 1968.
A partire dalle carte donate da privati (già smembrate al momento del nostro intervento) e in assenza degli archivi originali di tali organismi (l’UNURI nazionale, l’UGI, l’Intesa universitaria, l’AGI, il FUAN), si è cercato di recuperare le loro strutture e il loro ambito di attività tentando una ricostruzione dell’assetto archivistico dato alle carte dai soggetti produttori. L’inventario è stato pubblicato: Archivio delle associazioni e rappresentanze studentesche universitarie (1945-1968). Inventario del fondo, a cura di M. Grispigni e L. Musci, introduzione di Gaetano Quagliariello, Piero Lacaita editore, Manduria-Bari-Roma, 1995.
L’archivio è attualmente gestito dalla Fondazione Magna Carta di Roma.

Committente: LUISS - Libera università internazionale degli studi sociali Guido Carli

Il lavoro è stato svolto da Marco Grispigni e Leonardo Musci; Emanuela Mazzina ha elaborato gli indici analitici.

Arciconfraternita di Santa Caterina da Siena

2012

Ricognizione dell’archivio (1526-1978), individuazione delle serie, ordinamento sommario e redazione di una guida.

Committente: Arciconfraternita di Santa Caterina da Siena

Il lavoro è stato svolto da Nicola Pastina e Renzo Iacobucci.

Associazione bancaria italiana – ABI

2017

Abbiamo curato l’organizzazione del trasferimento di circa 300 ml di documentazione e fornito consulenza per predisporre in maniera ottimale il locale che ospiterà l’archivio storico.

Committente: Associazione bancaria italiana - ABI

Lavoro gestito da Nicola Pastina.

Associazione bancaria italiana – ABI

2017

Siamo stati coinvolti nella progettazione di un intervento organico sul consistente archivio dell’ABI nell’ambito di una politica di valorizzazione che l’Associazione intende perseguire tramite la sua filiazione Istituto Luigi Einaudi per gli studi bancari, finanziari e assicurativi. Un primo lavoro di ricognizione generale e proposta di ordinamento per serie ha la finalità di disegnare un percorso successivo di inventariazione e promozione dell’archivio in vista del centenario dell’ABI nel 2019.

Committente: Istituto Luigi Einaudi per gli studi bancari, finanziari e assicurativi

Il lavoro è coordinato da Nicola Pastina e vi partecipano Susanna Oreffice, Valentina Cioffi e Stella Zambonini.

Associazione guide e scouts cattolici italiani – AGESCI

2009-2010, 2016

Il lavoro sul fondo AGESCI si è svolto in due fasi. La prima ha riguardato l’intero complesso tranne il Settore stampa e si è svolta nell’ambito di un finanziamento 8 per mille che ha portato anche alla sistemazione degli archivi AGI e ASCI. La seconda, di completamento, ha riguardato il Settore stampa ed è stata l’occasione per trovare posto nella struttura di ordinamento ad alcuni documenti e fascicoli che erano sfuggiti per ragioni diverse durante il lavoro concluso nel 2010.

Committente: Associazione guide e scouts cattolici italiani - AGESCI

La prima fase del lavoro è stata svolta da Raffaella Crociani, Vincenzo Reale e Cristina Saggioro; la seconda da Lucia Petese e Cristina Saggioro.

Associazione guide e scouts cattolici italiani – AGESCI. Archivio fotografico

2017

A completamento di quanto svolto alcuni anni addietro sui fondi fotografici AGI e ASCI siamo stati incaricati di svolgere un lavoro analogo di ordinamento e schedatura sul patrimonio fotografico dell’AGESCI a partire dal 1974.

Committente: Associazione guide e scouts cattolici italiani - AGESCI

Il lavoro è coordinato da Cristina Saggioro e svolto con Angela Chiriatti e Donatella De Preta (tirocinio formativo).

Associazione guide italiane – AGI e Associazione scautistica cattolica italiana – ASCI

2005

Con fondi provenienti dalla Soprintendenza archivistica per il Lazio, si è proceduto a un primo ordinamento e descrizione delle carte delle due associazioni AGI e ASCI conservate nella sede nazionale dell’AGESCI a Roma.

Committente: Soprintendenza archivistica del Lazio

Il lavoro è stato curato da Raffaella Crociani.

Associazione guide italiane – AGI e Associazione scautistica cattolica italiana – ASCI

2008-2010

Con fondi provenienti dall’8 per mille e poi con risorse di AGESCI, si è impostato un lavoro organico di riordinamento e inventariazione di tutto il patrimonio archivistico dello scautismo cattolico, riportando nella sede romana la documentazione precedentemente conservata dal Centro documentazione e studi Mario Mazza di Genova. Tale impegnativo lavoro ha portato alla pubblicazione di due volumi: Inventario dell’Archivio dell’Associazione scautistica cattolica italiana (ASCI) 1916-1974 e Inventario dell’Archivio dell’Associazione guide italiane (AGI) 1944-1974 (a cura del Centro Documentazione AGESCI, Roma, 2011). Le pubblicazioni comprendono anche alcuni archivi personali di capi scout, aggregati a quelli delle associazioni.

Committente: Associazione guide e scouts cattolici italiani - AGESCI

Al lavoro hanno partecipato, in fasi diverse, Raffaella Crociani, Vincenzo Reale, Cristina Saggioro e Nicolina Zeoli. Leonardo Musci per Memoria e Maria Cristina Bertini per AGESCI hanno supervisionato tutto il ciclo operativo.

Associazione guide italiane – AGI e Associazione scautistica cattolica italiana – ASCI. Fondi fotografici

2007, 2011-2012

Il lavoro, svolto in due fasi, ha riguardato la schedatura e l’ordinamento dell’archivio fotografico delle associazioni scoutistiche cattoliche ante 1974. Gli archivi sono stati digitalizzati. Una descrizione del lavoro è consultabile su «Il Mondo degli archivi» 10/2012.

Committente: Associazione guide e scouts cattolici italiani - AGESCI

Lavoro curato da Chiara Agostini, Raffaella Crociani, Lucia Petese e Cristina Saggioro (che ha seguito in particolare la fase dell'ordinamento e del trattamento dei file immagine).

Associazione nazionale comuni italiani – ANCI

1998

Il lavoro è consistito in una ricognizione dettagliata dell’organizzazione del servizio di archivio e nella redazione di un breve studio con le proposte per una razionalizzazione delle procedure interne e dei criteri di gestione della documentazione in tutte le fasi della sua “vita archivistica”.

Committente: Associazione nazionale comuni italiani - ANCI

Il lavoro è stato svolto da Leonardo Musci e Susanna Oreffice.

Associazione nazionale industrie cinematografiche, audiovisive e multimediali – ANICA

2014-2015

Abbiamo svolto una ricognizione dell’intero complesso per selezionare la documentazione da conservare, anche in vista di un possibile ricongiungimento per l’impianto della sezione storica dell’archivio. Questa prima fase del progetto ANICA recupera la sua memoria si è conclusa con l’elaborazione di questa guida.

Committente: Associazione nazionale industrie cinematografiche, audiovisive e multimediali - ANICA

Il lavoro è stato svolto da Susanna Oreffice, Lucia Petese, Cristina Saggioro (coordinamento) e Nicoletta Valente.  Special guest Stephen Moor.

Associazione nazionale per gli interessi del Mezzogiorno d’Italia – ANIMI

1999-2003

Il fondo istituzionale dell’ANIMI conserva una importante sezione fotografica che testimonia organicamente sia le attività svolte dall’Associazione nel Mezzogiorno tra il 1910 e il 1963, principalmente nel campo dell’assistenza, dell’istruzione e degli scavi archeologici, sia la documentazione del paesaggio e delle arti minori del Sud d’Italia.
L’intervento ha riguardato la digitalizzazione delle fotografie del fondo ANIMI e dei taccuini di lavoro di Umberto Zanotti-Bianco (in totale circa 9.000 scatti) e l’associazione delle immagini digitalizzate alle schede descrittive. Esse sono consultabili negli inventari presenti sul sito del progetto Lazio’900 cui l’ANIMI aderisce.

Committente: Associazione nazionale per gli interessi del Mezzogiorno d’Italia - ANIMI

La scansione digitale delle fotografie è stata effettuata da Laura Primangeli.

Associazione nazionale per gli interessi del Mezzogiorno d’Italia – ANIMI

2002

Realizzazione di un CD-ROM multimediale sulla storia dell’ANIMI e sul suo patrimonio iconografico e documentario. Il CD può essere letto seguendo tre linee di accesso principali (la storia, le attività, i luoghi), ognuna della quali fornisce una panoramica integrata di testi, fotografie, documenti audio e video.

Committente: Associazione nazionale per gli interessi del Mezzogiorno d’Italia - ANIMI

Il CD è frutto di un gruppo di lavoro composto da Sabrina Auricchio e Roberta Rampa (ideazione dell'architettura e realizzazione), Aida Giosi e Laura Primangeli (proposta di selezione documentaria), Giacomo Consoli (consulenza grafica), Fabrizio Gatti (commento musicale), Leonardo Musci (contributo di idee). Per conto dell'ANIMI Simone Misiani ha redatto i testi, Cinzia Cassani ha svolto il coordinamento generale.

Associazioni cristiane lavoratori italiani – ACLI

1992-1993

Scopo dell’intervento è stata la redazione dell’inventario dell’archivio storico dell’ente per le carte che vanno dal 1943 al 1975 e dei fondi personali di Luigi Borroni, Alessandro Buttè, Franco Foschi, Livio Labor, Giampiero Oddi, Ugo Piazzi, Giuseppe Rapelli, Vitaliano Rovigatti e Vittorio Villa. L’archivio, gestito dall’Istituto Achille Grandi, ha una consistenza di 654 buste e documenta in modo approfondito il ruolo rilevante avuto dalle Acli nell’organizzazione delle masse cattoliche nel dopoguerra fino alla rottura del collateralismo al partito democristiano alla metà degli anni Settanta.

Committente: Associazioni cristiane lavoratori italiani - ACLI

Il lavoro è stato svolto da Marco Grispigni e Leonardo Musci; hanno collaborato alla schedatura Angela Barberi, Annalisa Lo Pinto e Antonella Sparano.

Azienda di Stato per i servizi telefonici – ASST

2005

In occasione del trasferimento dell’archivio storico dell’Azienda di Stato per i servizi telefonici – ASST, poi Telecom Italia, da un deposito di Pomezia a un nuovo deposito di concentrazione in Piemonte, abbiamo curato la ricognizione archivistica, l’elaborazione di una proposta di scarto, la schedatura dell’archivio storico dell’Azienda e di parte dell’archivio Telecom. La schedatura sommaria ha permesso di ricostruire le serie archivistiche più significative e la provenienza della documentazione dalle strutture centrali e territoriali dell’ente. La rilevazione e informatizzazione sono state effettuate sulla base di un tracciato descrittivo proposto dal committente. Per maggiore facilità nella gestione e consultazione alcune schede sono corredate da fotografie digitali dei dorsi delle unità di conservazione.

Committente: Pirelli RE

Al lavoro hanno partecipato Susanna Oreffice e Nicola Pastina (coordinatori), Silvia Giugno, Alex Nicora, Debora Pietrangeli, Teresa Pisani, Ilaria Romeo, Augusto Santocchi, Elisabetta Tarsia, Patrizia Ventura. Ha partecipato alla digitalizzazione delle schede Paola Getuli.

Banco di Roma

1998-2000, 2002-2004, 2006-2008

L’archivio del Banco di Roma (1880-1992) ha una consistenza di oltre 32.000 unità archivistiche che occupano circa 300 metri lineari di scaffalatura. Documenta, con lacune di qualche rilievo solo per il primo ventennio di attività, il rilevante ruolo avuto dalla banca nell’economia nazionale e nell’appoggio alle iniziative coloniali e imperiali in Libia e in Africa orientale.
Si è proceduto in due fasi al riordinamento e l’inventariazione prima della documentazione fino al 1945 circa, poi di quella successiva (con l’eccezione della serie dei fascicoli del personale cessato). Il nostro intervento ha riguardato in seguito il trattamento dell’inventario (in formato word) per la migrazione dei dati nel sistema GEA; dopo la migrazione è stata necessaria un’attività di correzione e normalizzazione della base dati.
Siamo stati incaricati quindi di realizzare la totale rifascicolazione, segnatura e ricondizionamento dell’archivio del Banco. Infine è stata revisionata e approfondita la descrizione di alcune parti strategiche dell’inventario del Banco di Roma: Segreteria dell’Amministratore delegato; Segreteria della Presidenza; archivi degli uffici Organizzazione, Partecipazioni, Legale e Tecnico; Archivio Felice Guarneri.

Committente: Banca di Roma

Leonardo Musci ha gestito il lavoro in tutte le sue fasi ed è stato responsabile del riordinamento e dell'inventariazione. L'attività di correzione e normalizzazione è stata svolta da Giovanna Mattino e da Sabrina Auricchio. All'indicizzazione ha collaborato Federica Favino. Alle operazioni di fascicolatura e condizionamento hanno partecipato: Daniela De Sanctis, Ottorino De Sossi, Reno Di Pasquo, Alessio Orsini e Nicoletta Valente. L'intervento di segnatura e il ricondizionamento è stato curato da Augusto Santocchi.

Banco di Santo Spirito

2002

Il nostro intervento ha riguardato il trattamento dell’inventario (in formato word) per la migrazione dei dati nel sistema GEA; dopo la migrazione è stata necessaria un’attività di correzione e normalizzazione della base dati.

Committente: Banca di Roma

Il trattamento per la migrazione è stato realizzato da Leonardo Musci; l'attività di correzione e normalizzazione della base dati Gea è stata svolta da Giovanna Mattino.

Barnabei Felice, archeologo

2009-2010

Felice Barnabei (1842-1922) fu uno dei massimi promotori della diffusione della cultura archeologica in Italia. Fondatore del Museo nazionale romano e del Museo di Villa Giulia, socio dei Lincei, studioso e saggista, fu anche deputato dal 1899 al 1919 e poi senatore a vita.
L’intervento di ordinamento e inventariazione ha riguardato la parte del suo archivio conservato dalla Biblioteca di archeologia e storia dell’arte di Palazzo Venezia a Roma (l’archivio è conservato nella torretta dalla quale si gode un panorama unico). La schedatura è stata effettuata con il software GEA 4. Il report inventariale è consultabile sul sito della Biblioteca.

Committente: Biblioteca di archeologia e storia dell'arte, Roma

Il lavoro è stato svolto da Giacomo Consoli con la supervisione di Leonardo Musci, che ha curato il report grafico dell'inventario.

Biblioteca di Unioncamere

1999-2000

L’intervento ha riguardato la ricognizione, selezione, riordino e ricollocazione di riviste italiane, straniere, annuari e riviste edite dalle Camere di commercio e delle monografie italiane, straniere e edite dalle Camere di commercio. In generale il lavoro ha riguardato l’intera riorganizzazione della biblioteca che ha comportato il riordino e la ricollocazione del materiale conservato.

Committente: Unioncamere - Unione italiana delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura

Il lavoro è stato svolto da Ilaria Brancatisano, Enrico Dotti e Francesca Rossi (coordinatrice).

Biblioteca Luciano Lama

2013-2014

La CGIL ci ha affidato l’incarico di catalogazione di circa 1350 monografie conservate dalla Biblioteca Luciano Lama per l’inserimento nel catalogo SBN. L’incarico prevedeva anche l’etichettatura e la collocazione a scaffale del materiale catalogato.

Committente: Confederazione generale italiana del lavoro - CGIL

Il lavoro è stato svolto da Angela Chiriatti.

Biblioteca provinciale di Roma

2000-2001

Il lavoro ha riguardato la catalogazione in SBN di volumi del fondo antico e di storia locale della Biblioteca provinciale di Roma, oggi Biblioteca istituzionale della Città Metropolitana di Roma Capitale.

Committente: Provincia di Roma

Il lavoro è stato svolto da Lucia Antonelli, Stefania Flore e Francesca Rossi.

Bompiani Enrico, matematico

2003, 2006

Enrico Bompiani (1889-1975) è stato allievo di Guido Castelnuovo e si è caratterizzato per una visione geometrica dei problemi matematici. Alla Sapienza di Roma ha diretto per venti anni l’Istituto matematico  (1939-1959).
Il nostro intervento ha riguardato l’ordinamento e inventariazione del fondo (102 fascicoli, 1910-1975), costituito da corrispondenza personale e scientifica e dalla documentazione prodotta nell’ambito del Comitato di Matematica del CNR, di cui Bompiani è stato segretario generale per trent’anni. L’inventario è pubblicato sul sito del progetto Lazio’900, cui l’Accademia aderisce.

Committente: Accademia nazionale delle scienze detta dei XL

Il lavoro, iniziato da Nicoletta Valente, è stato completato in collaborazione con Monica Zecca.

Bonino Giovanni Battista, chimico

2005

Giovanni Battista Bonino (1899-1985),  è stato uno dei pionieri, anche in campo internazionale, dello sviluppo moderno delle metodologie chimico-fisiche. Ha scritto molto, soprattutto nel campo della strutturistica molecolare dove ha utilizzato, tra i primi, la spettroscopia all’infrarosso e la spettroscopia Raman.
Nel 2005 abbiamo realizzato l’inventario sommario del fondo (326 fascicoli, 1893-1988), che conserva corrispondenza, appunti, relazioni, verbali delle riunioni degli organi di cui Bonino ha fatto parte e documenti a stampa. L’inventario è pubblicato sul sito del progetto Lazio’900, cui l’Accademia aderisce.

Committente: Accademia nazionale delle scienze detta dei XL

Il lavoro è stato svolto da Azzurra Aiello, Alex Nicora e Patrizia Ventura con il coordinamento di Nicoletta Valente.

Cabibbo Nicola, fisico

2011

Nicola Cabibbo (1935-2010) ha avuto negli anni Sessanta un ruolo centrale nella ricerca sulle particelle, gettando le basi per gli studi che portarono due suoi colleghi giapponesi al Nobel nel 2008. Fu presidente dell’ENEA e dell’INFN.
Abbiamo curato il riordinamento e l’inventariazione del fondo (614 fascicoli, 1958-2009), che conserva materiale preparatorio per le pubblicazioni di Cabibbo, appunti e corrispondenza inerenti all’attività scientifica svolta presso i più prestigiosi istituti e università nazionali e internazionali e documentazione concernente gli incarichi ricoperti, e testimonia il forte ruolo svolto da Cabibbo nella politica della ricerca italiana e internazionale.
L’inventario (2011) è consultabile sul sito del Dipartimento di Fisica.

Committente:

Il lavoro è opera di Sveva Pacifico e Nicoletta Valente.

Caglioti Vincenzo, fisico

2003

Vincenzo Caglioti (1902-1998) è stato autore di numerose e importanti ricerche di chimica inorganica e di chimica fisica, in particolare nel campo dei composti di coordinazione e delle relazioni fra struttura e proprietà dei composti chimici. Ha gestito il piano Marshall (ERP) per la fornitura di attrezzature scientifiche alle università italiane. Come presidente dell’Opera per la valorizzazione della Sila, si è occupato dell’attuazione della riforma agraria in Calabria.
Nel 2003 abbiamo realizzato l’inventario del fondo (167 fascicoli, 1928-1999), che conserva corrispondenza, appunti, estratti di articoli e fotografie. L’inventario è pubblicato sul sito del progetto Lazio’900, cui l’Accademia aderisce.

Committente: Accademia nazionale delle scienze detta dei XL

Il lavoro è stato curato da Chiara Mancini.

Camera dei deputati

2004-2012

Il lavoro ha riguardato il controllo e riversamento nel sistema informatico FEA (Highway) di circa 7.900 unità archivistiche appartenenti alle serie Disegni e proposte di legge della Camera subalpina (1848-1861), Disegni e proposte di legge del Regno d’Italia (1861-1890), Incarti di segreteria (1861-1943), Commissione parlamentare di inchiesta sulle spese di guerra (1920-1923), Commissione parlamentare di inchiesta per le terre liberate e redente (1915-1926). I dati sono stati recuperati da inventari a stampa e da schede cartacee manoscritte. In sede di informatizzazione sono stati rilevati antroponimi, toponimi, enti e altri nomi propri. Nella fase di avvio del lavoro è stata fornita una consulenza finalizzata all’adattamento del software alla struttura di ciascuna serie trattata.
Successivamente abbiamo portato a termine la schedatura analitica della serie Disegni e proposte di legge e incarti delle commissioni (1848-1943). L’inventario è consultabile sul sito dell’Archivio storico della Camera dei deputati.

Committente: Camera dei deputati

Il lavoro 2002-2004 è stato svolto da Nicoletta Valente (coordinatrice) e Raffaella Crociani.
Il lavoro 2005-2012 è stato svolto da un gruppo di lavoro coordinato da Susanna Oreffice e Nicoletta Valente, al quale hanno partecipato in momenti diversi Azzurra Aiello, Giacomo Consoli, Raffaella Crociani, Silvia Giugno, Renzo Iacobucci, Cristina Saggioro e Ornella Stellavato.

Cannizzaro Stanislao, chimico

1997, 1999

Stanislao Cannizzaro (1826-1910) fu tra le maggiori personalità della chimica mondiale, figura prestigiosa del Risorgimento italiano e protagonista della vita parlamentare nei primi anni del Regno d’Italia.
La schedatura analitica delle circa 3.000 lettere ha riguardato i tre spezzoni delle carte Cannizzaro: presso l’Accademia nazionale delle scienze detta dei XL, presso la Società chimica e presso il Museo del Risorgimento. Effettuata con DBIII plus, è stata poi riversata nel sistema GEA per essere pubblicata sul sito di Archivi del Novecento insieme alla digitalizzazione delle sole lettere conservate dall’Accademia.
Il lavoro è consultabile sul sito del progetto Lazio’900. L’Accademia ha altresì realizzato un sistema ad hoc di consultazione delle lettere.

Committente: Accademia nazionale delle scienze detta dei XL

Il lavoro è stato svolto da Nicoletta Valente (schedatura) e da Giacomo Consoli e Laura Primangeli (digitalizzazione).

Carte statali sulle stragi (c.d. “direttiva Renzi”)

2016-2017

Per mettere a disposizione dei cittadini i documenti prodotti dagli organi statali sulla strategia stragista che negli anni 1969-1984 ha segnato la storia del nostro Paese, con direttiva del Presidente del Consiglio del 22 aprile 2014 è stato disposto che tutte le amministrazioni dello Stato versino all’ACS la documentazione in loro possesso relativa “agli eventi di Piazza Fontana a Milano (1969), di Gioia Tauro (1970), di Peteano (1972), della Questura di Milano (1973), di Piazza della Loggia a Brescia (1974), dell’Italicus (1974), di Ustica (1980), della stazione di Bologna (1980), del Rapido 904 (1984)”. Questa procedura prevede la declassifica dei documenti originariamente marcati come “segreto”,”segretissimo”, “riservato” e “riservatissimo”.
Avendo vinto la gara bandita ad hoc dall’ACS, Memoria opera per la revisione e la normalizzazione degli elenchi che accompagnano i versamenti, l’ordinamento del materiale e la sua descrizione, la preparazione del processo di digitalizzazione. Soggetti produttori e consistenze sono consultabili sul sito dell’ACS.

Committente: Archivio centrale dello Stato

Sono impegnati nel lavoro Leonardo Musci, Susanna Oreffice, Cristina Saggioro, Angela Chiriatti e Donatella De Preta.

Carteggio di Benedetto Croce

2013

Allo scopo di estrarre dalla base dati GEA della schedatura della corrispondenza del carteggio Croce tutte le schede relative a scambi con senatori, abbiamo elaborato un applicativo in grado di duplicare e ordinare record che soddisfino i parametri desiderati. Il lavoro è stato pubblicato sul sito del progetto Archivi on line, promosso dall’Archivio storico del Senato della Repubblica.

Committente: Fondazione Biblioteca Benedetto Croce

Su indicazioni di Leonardo Musci l'applicativo è stato realizzato da Raffaella Di Lucente.

Cassa di risparmio di Roma

1994, 2002

Subito dopo la fusione tra la Cassa di Risparmio e il Banco di Roma che portò alla creazione della Banca di Roma (1992), abbiamo svolto il primo intervento di ordinamento e inventariazione su una parte dell’archivio della Cassa, consistente esclusivamente nelle serie contabili e di gestione dei depositi relative al periodo 1836-1938 (circa 100 metri lineari di scaffalature).

Successivamente il nostro intervento ha riguardato il trattamento dell’inventario (curato da altri) per la migrazione dei dati nel sistema GEA; dopo la migrazione è stata necessaria un’attività di correzione e normalizzazione della base dati.

Committente: Banca di Roma

Il lavoro è stato curato da Marco Grispigni e Leonardo Musci, che ha realizzato anche il trattamento per la migrazione; l'attività di correzione e normalizzazione della base dati GEA è stata svolta da Giovanna Mattino.

Cassa per il Mezzogiorno

Nell’ambito del progetto ASET promosso dall’Archivio centrale dello Stato siamo stati incaricati di coordinare il lavoro archivistico in corso con quello di digitalizzazione delle delibere del Consiglio di amministrazione della Cassa per il Mezzogiorno (1950-1984), più propriamente Cassa per opere straordinarie di pubblico interesse nell’Italia Meridionale. L’attività ha riguardato la creazione di un database delle delibere a partire dalla nomenclatura dei file di scansione e la successiva integrazione dei metadati in modo da poter agganciare queste informazioni ai database storici relativi alla gestione delle opere pubbliche e dei contributi industriali CasMez e in possesso del Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica (DPS).

Committente: Archivio centrale dello Stato

Il lavoro è stato progettato e gestito da Leonardo Musci. Le soluzioni informatiche sono di Raffaella Di Lucente.

Centro di documentazione internazionale Alma Sabatini

2015-2016

Il Centro Alma Sabatini è uno degli undici gruppi, collettivi e associazioni storiche che si sono messi insieme per salvaguardare e rendere fruibili i propri archivi, biblioteche, emeroteche, con particolare attenzione al femminismo degli anni ’70 e alla presenza lesbica degli anni ’80. Ne abbiamo ordinato e inventariato il fondo, depositato presso la Casa internazionale delle donne di Roma.

Committente: Soprintendenza archivistica del Lazio

L'inventario è a cura di Nicoletta Valente.

CGIL Campania

2016-2017

Siamo stati incaricati di proseguire un lavoro iniziato già da alcuni anni e che ha finora prodotto la schedatura di circa due terzi dell’archivio della struttura regionale campana della CGIL. La nostra proposta progettuale prevede un’analisi dell’affidabilità della schedatura effettuata e della sua rispondenza alla comprensione dell’archivio nel suo insieme, una indagine che rifletta sul metodo di ordinamento possibile, anche alla luce degli organigrammi storici disponibili. Risultato concreto di questa attività sarà una relazione storico-archivistica contenente una proposta di organizzazione coerente con lo studio istituzionale effettuato e le indicazioni per il prosieguo della schedatura.

Committente: Soprintendenza archivistica della Calabria e della Campania

Il lavoro è svolto da Erika Vettone con la supervisione di Leonardo Musci.

Cineteca lucana

2016-2017

Abbiamo sottoscritto con la Cineteca lucana un protocollo di collaborazione con ruolo di consulenti generali per tutte le questioni riguardanti la progettazione e la gestione del lavoro archivistico e i rapporti con le istituzioni coinvolte.

Committente: Cineteca lucana

Leonardo Musci cura la consulenza.

Comitato olimpico nazionale italiano – CONI

2004-2006

E’ stato compiuto un censimento del materiale documentario presente presso il Coni, le federazioni sportive nazionali, gli enti di promozione e le società sportive presenti sul territorio laziale e romano, per offrire strumenti di descrizione utili per la tutela archivistica come per la ricerca storica. Oggetto della prima fase sono stati gli archivi prodotti dai diversi organi e uffici del Coni.

Committente: Soprintendenza archivistica del Lazio

Il lavoro, coordinato da Nicola Pastina, è stato svolto a più riprese da Marzia Azzolini, Alex Nicora, Ilaria Romeo, Patrizia Ventura.

Comune di Arpino

1991

Con fondi provenienti dalla Regione Lazio (Piani triennali per la salvaguardia e la valorizzazione degli archivi comunali) è stato realizzato nel 1990-1991 il riordinamento e l’inventariazione dell’archivio storico comunale (con documenti 1524-1948).
L’inventario della sezione preunitaria è stato pubblicato: L. Musci, L’archivio storico comunale di Arpino (sezione preunitaria), in «Rivista storica del Lazio», 1 (1993), pp. 275-342.

Committente: Comune di Arpino (Frosinone)

Il riordinamento e l'inventariazione sono opera di Leonardo Musci con la collaborazione di Antonio Incani e Nicoletta Valente. 

Comune di Bassiano

1991-1995, 1998, 2001-2003

Con fondi provenienti dalla Regione Lazio (Piani triennali di valorizzazione degli archivi di enti locali) sono stati realizzati in diverse fasi il riordinamento e l’inventariazione dell’archivio storico comunale. L’intervento ha riguardato la sezione postunitaria, essendo le carte anteriori al 1870 depositate dal 1962 presso l’Archivio di Stato di Latina.
Il riordinamento ha riguardato le carte fino al 1955; sono state trasferite a Bassiano carte postunitarie già depositate presso l’AS di Latina (che conserverà definitivamente quelle preunitarie). Oltre al fondo comunale sono conservati alcuni archivi aggregati tra i quali si segnala quello dell’Università agraria Aldo Manuzio che documenta le vicende delle “terre comuni” e della bonifica dell’Agro pontino negli anni Trenta del XX secolo.
L’Amministrazione comunale ci ha anche incaricato di dare una prima sistemazione all’archivio di deposito.
L’inventario è consultabile sul sito del progetto Rinasco.

Committente: Comune di Bassiano (Latina)

Leonardo Musci ha avuto la responsabilità dell'intero ciclo operativo e ha firmato l'inventario. Alla schedatura hanno partecipato Elena Cirilli e Alessandra Daga. Norma Francalanci e Adele Laganà hanno collaborato alla realizzazione grafica dell'inventario; Pamela Fratarcangeli ne ha curato l'aggiornamento finale.

Comune di Castel Madama

1996-1998

Con fondi provenienti dalla Regione Lazio (Piani triennali di valorizzazione degli archivi di enti locali) è stato realizzato il riordinamento e l’inventariazione della sezione postunitaria dell’archivio comunale (1870-1950).
L’inventario è consultabile sul sito del Progetto Rinasco.

Committente: Comune di Castel Madama (Roma)

La schedatura è stata realizzata da Giovanna Bosman, Maria Teresa De Nigris, Stefania Glori e Leonardo Musci (curatore dell'inventario).

Comune di Filacciano

1997-1998

Con fondi provenienti dalla Regione Lazio (Piani triennali di valorizzazione degli archivi di enti locali) sono stati realizzati nel 1997-1998 il riordinamento e l’inventariazione dell’archivio storico comunale, comprendente numerosi fondi aggregati. L’archivio testimonia le vicende di questa piccola comunità della Valle Tiberina a partire dall’anno 1613.
L’inventario è consultabile sul sito del Progetto Rinasco.

Committente: Comune di Filacciano (Roma)

Il lavoro è stato realizzato da Anna Di Gregorio e Cristina Di Giampietro con l'assistenza di Leonardo Musci.

Comune di Montopoli di Sabina

1992-1993, 1997-1998

Con fondi provenienti dalla Regione Lazio (Piani triennali di valorizzazione degli archivi di enti locali) è stato realizzato nel 1992-1993 il riordinamento e l’inventariazione del ricchissimo archivio comunale (1561-1949) che conserva anche le carte del soppresso Comune di Bocchignano, diversi archivi aggregati, di enti laici ed ecclesiastici, e carte del governatore pontificio e dell’Abbazia di Farfa. Nel 1997-1998 abbiamo sistemato l’archivio di deposito.
L’inventario è consultabile sul sito del progetto Rinasco.

Committente: Comune di Montopoli di Sabina (Rieti)

Il lavoro sull'archivo storico è stato svolto da Riccardo Bassani, Marco Grispigni, Emanuela Mazzina e Leonardo Musci; quello sull'archivio di deposito da Leonardo Musci.

Comune di Roma. Sovrintendenza capitolina ai beni culturali

2012-2013

Il lavoro ha riguardato l’archivio di deposito della Sovrintendenza. Collocato in più sedi, l’archivio è stato descritto per serie e per unità di conservazione, ricondizionato, trasferito e collocato secondo criteri logici. Prodotti finali sono un elenco descrittivo delle serie, un elenco di consistenza, una lista della documentazione selezionata per lo scarto. Il lavoro è stato presentato al sovrintendente Umberto Broccoli il 4 giugno 2013 (queste le slides guida).

Committente: Comune di Roma. Sovrintendenza capitolina ai beni culturali

Il lavoro è stato diretto da Nicola Pastina e svolto da Marzia Azzolini, Lina Marzotti, Augusto Santocchi. Gli aspetti logistici sono stati curati da Alessandro Carrus.

Comune di Roma. Titolario generale (1871-1922)

2000-2001

Su indicazioni dei responsabili dell’Archivio abbiamo proceduto alla verifica dell’ordinamento e allo scarto delle copie in eccesso della serie Stampati. La documentazione è costituita dalle copie a stampa delle deliberazioni, relazioni, manifesti, bandi, notificazioni che documentano l’attuazione pratica dell’attività della Giunta e del Consiglio in relazione agli affari trattati negli uffici.
Committente: Comune di Roma. Archivio storico capitolino

Il lavoro è stato realizzato da Tommaso Baris, Barbara Crociani e Raffaella Crociani.

Comune di Sermoneta

1998-1999

Con fondi provenienti dalla Regione Lazio (Piani triennali di valorizzazione degli archivi di enti locali) sono stati realizzati il riordinamento e l’inventariazione della ricca sezione preunitaria dell’archivio comunale (1554-1870, circa 120 metri lineari) che documenta la vita della comunità sotto il governo baronale della famiglia Caetani e, dopo la Restaurazione, sotto le magistrature locali.
L’inventario è consultabile sul sito del progetto Rinasco.

Committente: Comune di Sermoneta (Latina)

La schedatura è opera di Alessandra Daga e Valeria Vignes con la supervisione di Piero Santoni e Leonardo Musci (che ha curato l'inventario).

Comunità ebraica di Roma

2014-2016

Schedatura e inventariazione di una parte dell’archivio storico della Comunità ebraica di Roma.

Committente: Soprintendenza archivistica del Lazio

Il lavoro è stato curato da Susanna Oreffice e Nicoletta Valente.

Confederazione generale italiana del lavoro – CGIL

2015

Nell’ambito delle iniziative per i 109 anni della CGIL, abbiamo collaborato alla realizzazione della mostra storico-documentaria Gli anni Sessanta, la CGIL, la costruzione della democrazia, in particolare con ricerche d’archivio, stesura di testi e didascalie e allestimento grafico.

Committente: Confederazione generale italiana del lavoro - CGIL

Il lavoro è stato svolto da Nicola Pastina. La progettazione grafica è stata opera di Michela Bonanni.

Confederazione generale italiana del lavoro – CGIL

2015

Abbiamo ordinato e inventariato l’archivio del Centro studi e formazione sindacale della CGIL, costituito ad Ariccia nel 1967. Per la schedatura è stato utilizzato il software Extraway.

Committente: Confederazione generale italiana del lavoro - CGIL

Il lavoro è stato svolto da Nicola Pastina.

Confederazione generale italiana del lavoro – CGIL

2001-2006

Il lavoro ha riguardato la schedatura, ricondizionamento e inventariazione di alcune serie dell’archivio storico della CGIL (Organi statutari e Atti e corrispondenza, 1944-1969; carte degli uffici confederali e alcuni fondi personali). Si tratta in tutto di circa 15.000 unità archivistiche tra fascicoli, registri e verbali. La schedatura è stata effettuata con il software Highway e il relativo database è consultabile on line. Contestualmente, abbiamo seguito la revisione editoriale di parte dell’inventario per l’uscita del volume Confederazione generale italiana del lavoro, Inventario dell’Archivio storico (1944-1957), a cura di Teresa Corridori, Susanna Oreffice, Cristiana Pipitone, Gianni Venditti, Roma, Ministero per i beni e le attività culturali – Direzione generale per gli archivi, 2002 (Pubblicazioni degli Archivi di Stato, Strumenti, CLII). Il volume è scaricabile qui.

Committente: Confederazione generale italiana del lavoro - CGIL

Il lavoro è stato coordinato in un primo momento da Marco Grispigni, che ne ha curato anche l'impostazione assieme all'allora responsabile dell'Archivio Teresa Corridori, e successivamente da Susanna Oreffice. Hanno partecipato alla schedatura Anita De Sossi, Cristiana Pipitone, Ilaria Romeo, Gianni Venditti.

Confederazione italiana sindacati lavoratori – CISL

2011-2012

L’incarico ha riguardato la schedatura a livello di unità archivistica di alcune serie e fondi dell’archivio, già ordinato. In particolare abbiamo trattato serie istituzionali (circolari, carte degli organi istituzionali, atti e corrispondenza dei diversi servizi) e fondi personali (tra questi: Pierre Carniti, Luigi Macario, Franco Marini, Roberto Romei, Ezio Tarantelli). Il lavoro è stato eseguito con il software GEA 4 nell’ambito del progetto Archivi on line del Senato della Repubblica, sul cui sito è consultabile.

Committente: Confederazione italiana sindacati lavoratori - CISL

Il lavoro è stato eseguito da Giacomo Consoli e Nicola Pastina (coordinatore). La supervisione scientifica è stata del responsabile dell'archivio storico della CISL Ivo Camerini.

Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa – CNA

2011-2013

Abbiamo ordinato e inventariato l’archivio prodotto dalla CNA dal 1945 al 1980. Poiché già in fase di ricognizione si è verificata la presenza di rilevanti lacune, abbiamo svolto  ricerche presso le sedi territoriali della CNA e steso un repertorio della documentazione individuata, cui sono state allegate le relativi immagini digitali. La ricerca si è estesa anche ad archivi di altre strutture, pubbliche e private, con le quali la CNA ha condiviso attività o ambiti di interesse, producendo un elenco di fonti per la storia della Confederazione.
Per questo lavoro è stato utilizzato il software GEA 5.1.
Parallelamente si è proceduto con le attività di riorganizzazione dell’archivio corrente: dopo le interviste al personale impegnato nella formazione e gestione dell’archivio e l’analisi della documentazione abbiamo elaborato uno schema di classificazione e proposto alcune regole di buona pratica archivistica.

Committente: Confederazione nazionale dell'artigianato e della piccola e media impresa - CNA

Il lavoro di schedatura dell'archivio storico è stato svolto in fasi diverse da Giacomo Consoli, Raffaella Crociani e Sonja Moceri. Valentina Stazzi ha svolto la ricerca sulle fonti collegate.
Dell'intervento sull’archivio corrente è responsabile Susanna Oreffice, coadiuvata da Sonja Moceri.
Susanna Oreffice ha inoltre coordinato il lavoro in tutte le fasi e ha curato l'ordinamento e l'inventario in collaborazione con Leonardo Musci.

Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa – CNA

2010-2011

Nell’ambito di un incarico relativo all’archivio CNA abbiamo catalogato il patrimonio bibliografico della Confederazione (circa 4000 tra monografie e pubblicazioni in serie) fino ad allora difficilmente accessibile all’utenza interna. È stato effettuato anche lo scarto dei periodici normativi e delle monografie in tripla copia.

Committente: Confederazione nazionale dell'artigianato e della piccola e media impresa - CNA

La catalogazione è stata svolta da Carla Baccini e Raffaella Angeli.

Conversi Marcello, fisico

1995-1996

Marcello Conversi (1917-1988) entrò subito a far parte del gruppo di ricerca sui raggi cosmici guidato da Gilberto Bernardini. Dal 1950 al 1958 insegnò all’Università di Pisa dove diresse un progetto per la realizzazione di un centro di calcolo elettronico dal quale nacque la scuola italiana di informatica. Diresse poi l’Istituto di Fisica della Sapienza dal 1960 al 1966.
Abbiamo eseguito l’ordinamento e l’inventariazione del fondo (59 scatole, 1940-1989). La schedatura della corrispondenza (circa 3.000 lettere) fu effettuata con il software DBIII plus e migrata nel software GEA per consentirne la pubblicazione sul sito di Archivi del Novecento. La base dati è stata poi migrata sull’applicativo Archiui. Ha completato il lavoro l’elaborazione di un elenco calendariale della corrispondenza, pubblicato insieme all’inventario come Nota interna del Dipartimento di Fisica.
L’inventario è consultabile sul sito del Dipartimento di Fisica.

Committente: Università degli studi di Roma La Sapienza. Dipartimento di Fisica

L'inventario è di Piero Santoni. La corrispondenza è stata schedata da Nicoletta Valente.

Craxi Bettino, politico

2004-2007, 2016-2017

La Fondazione Bettino Craxi ha messo in cantiere nel 2004 un lavoro analitico sulle carte di Bettino Craxi (1934-2000), segretario nazionale del PSI dal 1976 al 1993 e presidente del Consiglio dei ministri dal 1983 al 1987. Il progetto prevedeva la schedatura a livello del singolo documento e la digitalizzazione integrale del fondo. Il lavoro è stato perfezionato con la cura redazionale del volume Inventario dell’Archivio Craxi, a cura di Giuliana Volpi, con inventario di Leonardo Musci, Cristina Saggioro ed Emanuela Fiorletta (Fondazione Bettino Craxi, Roma, 2008). L’inventario è consultabile sui siti dell’Archivio storico del Senato della Repubblica e del progetto Lazio’900 cui la Fondazione aderisce.
Nel 2016 la Fondazione ha acquistato carte custodite fino ad allora dalla Fondazione Allori. Si tratta di un piccolo ma importantissimo complesso documentario, composto, in massima parte, da documenti che Bettino Craxi tratteneva presso la sua residenza-ufficio a Roma (Hotel Raphael) e gli uffici di Via del Corso. Stiamo provvedendo a schedarli e integrarli nell’archivio in modo da licenziare un nuovo inventario.

Committente: Fondazione Bettino Craxi

Al lavoro di schedatura hanno partecipato Sabrina Auricchio, Emanuela Fiorletta, Lucia Petese, Noemi Procaccia, Roberta Rampa e Cristina Saggioro, con il coordinamento di Leonardo Musci che firma l'inventario insieme a Emanuela Fiorletta e Cristina Saggioro.
La ripresa della schedatura è a cura di Emanuela Fiorletta.

Damiani Nicola, medico e politico

2014

Nicola Damiani (1921-2009) è stato un affermato medico impegnato nella ricerca embrionale. Cattolico democratico di ispirazione morotea e meridionalista, è stato sindaco di Bari nel 1956-1957, poi consigliere provinciale. Il suo impegno pubblico più rilevante è stata la carica di consigliere di amministrazione della Cassa per il Mezzogiorno, ricoperta fra 1959 e 1971.
Nell’ambito di una convenzione con la Fondazione Cassa di risparmio della Puglia, la Fondazione Giuseppe Di Vagno di Conversano ci ha incaricato di ordinare e inventariare il piccolo ma significativo fondo archivistico, donato dai suoi eredi. L’inventario è consultabile qui.

Committente: Fondazione Giuseppe Di Vagno (1889-1921)

Il lavoro è stato curato da Leonardo Musci.

De Pinedo Francesco, aviatore

2015

Abbiamo curato una ricerca di fonti su Francesco De Pinedo e l’inventario analitico di un piccolo fondo donato dagli eredi di Mildred MacRae Mixson (detta Rae Mixson), con lettere di Francesco De Pinedo e materiale a stampa sulle sue imprese.
L’elaborato finale può essere consultato sul sito dell’Ufficio storico dell’Aeronautica militare.

Committente: Aeronautica militare. Ufficio storico dello Stato maggiore dell'Aeronautica

Il lavoro è stato svolto da Cristina Saggioro.

Desio Ardito, alpinista

2009

Ardito Desio (1897-2001) fu studioso di geografia, geologia, paleontologia, professore universitario, membro di numerose accademie italiane ed estere e corrispondente di varie società scientifiche, ma la sua fama è legata soprattutto all’attività di esploratore, alpinista, cartografo, organizzatore di spedizioni, tra le quali la più nota è la spedizione italiana al K2 del 1954.
Il suo archivio, ospitato dalla Sezione romana del Club alpino italiano, comprende una ricca sezione fotografica.
Il lavoro è consistito nella normalizzazione della base dati descrittiva delle serie fotografiche. Aspetto preponderante è stata la normalizzazione dei toponimi.

Committente: Soprintendenza archivistica del Lazio

Il lavoro è stato curato da Nicola Pastina.

Di Giesi Michele, politico

2013-2014

Michele Di Giesi (1927-1983), barese, è stato un esponente di spicco della socialdemocrazia italiana. Dopo esperienze amministrative locali (fu il primo vicepresidente della Regione Puglia), divenne deputato nel 1972. Negli ultimi quattro anni della sua vita fu ministro per gli interventi straordinari nel Mezzogiorno, alle poste e telecomunicazioni, al lavoro e previdenza sociale, alla marina mercantile.
L’archivio conserva soprattutto documentazione dei suoi incarichi di governo. Nell’ambito di una convenzione con la Fondazione Cassa di risparmio della Puglia, la Fondazione Giuseppe Di Vagno di Conversano ci ha incaricato di ordinare e inventariare il fondo archivistico, donato dal figlio. L’inventario è consultabile qui.

Committente: Fondazione Giuseppe Di Vagno (1889-1921)

Il lavoro è stato curato da Leonardo Musci.

Enciclopedia dei ragazzi (Treccani)

2005

Per la realizzazione del DVD-ROM allegato all’Enciclopedia dei ragazzi Treccani, ci siamo occupati del trattamento dei file di testo contenenti le didascalie di tutte le immagini da pubblicare nell’opera multimediale, dell’accoppiamento didascalia-immagine, del controllo delle fonti, della revisione e verifica sulla versione beta del DVD.

Committente: Engineering ingegneria informatica spa

Il lavoro è stato svolto da Patrizia Gabrielli, Annalaura Lisa Lucchi, Leonardo Musci (coordinatore), Alex Nicora e Ilaria Romeo.

Ente nazionale cellulosa e carta – ENCC

1999-2000

L’Ente nazionale per la cellulosa e per la carta fu istituito nel 1935, in coerenza con la politica economica autarchica del Regime fascista, con il compito di “adottare provvedimenti atti ad agevolare la produzione e l’impiego di materie prime nazionali per la cellulosa”.
Dopo la liquidazione dell’Ente, soppresso con legge 28 ottobre 1994 n. 595, la Soprintendenza archivistica per il Lazio ha curato il lavoro preparatorio per il versamento delle carte all’Archivio centrale dello Stato, affidando a noi e alla Cooperativa Bes l’incarico di svolgere una ricognizione nei diversi depositi per l’individuazione delle serie, la schedatura sommaria dei pezzi, l’analisi delle tipologie documentarie, la proposta di scarto. Il versamento in ACS è poi avvenuto nel 2001.

Committente: Soprintendenza archivistica del Lazio

Il lavoro di ricognizione è stato svolto da Lucia Nardi e Lucia Pasquini.

Ente nazionale cellulosa e carta – ENCC

2006

Sulla base della schedatura delle carte dell’Ente nazionale cellulosa e carta, eseguita nel 1999-2000 in vista del versamento all’Archivio centrale dello Stato, abbiamo elaborato una proposta di scarto.

Committente: Soprintendenza archivistica del Lazio

Il documento è opera di Susanna Oreffice.

Ente partecipazioni e finanziamento industria manifatturiera – EFIM

2008

Il nostro intervento ha riguardato l’archivio dell’Ente partecipazioni e finanziamento industria manifatturiera – EFIM, dichiarato di notevole interesse storico dalla Soprintendenza archivistica per il Lazio in concomitanza con la chiusura della fase di liquidazione coatta amministrativa e il trasferimento in una nuova sede della società Ligestra, che ha gestito la liquidazione di tutte le società del gruppo.
Il lavoro di ricognizione archivistica ha riguardato la documentazione prodotta dall’EFIM e tutta quella prodotta o relativa alle società collegate, di cui era in corso o si era da poco conclusa la procedura di liquidazione. La complessità dell’archivio ha richiesto un lavoro di ricognizione e schedatura di diversi livelli di analiticità, da una parte teso alla ricostruzione della storia istituzionale dell’Ente, dall’altra con l’obiettivo di distinguere le carte relative alle società collegate prodotte durante l’attività ordinaria o in fase liquidatoria. Al termine delle fasi di censimento e ricognizione archivistica, schedatura ed elaborazione dell’elenco di scarto, abbiamo coordinato e curato le operazioni di inscatolamento della documentazione per il trasferimento presso i locali di deposito.

Committente: Ligestra srl - Gruppo Fintecna

Il lavoro, diretto da Susanna Oreffice, è stato svolto da Emanuela Fiorletta, Sonja Moceri, Nicola Pastina, Ornella Stellavato, e da Alex Nicora e Augusto Santocchi per la movimentazione e l'inscatolamento.

FB & Associati

2016

La FB & associati si è rivolta a noi per razionalizzare il sistema di gestione documentale, integrandolo con un sofisticato sistema di raccolta e gestione delle informazioni rilevanti per la sua attività.

Committente: FB & Associati

Ha curato il lavoro Susanna Oreffice.

Federazione italiana dei consorzi agrari – Federconsorzi

2001

L’incarico di consulenza archivistica e informatica ha avuto come oggetto l’impostazione e il coordinamento del lavoro di ricognizione archivistica della documentazione relativa agli anni ’40-’90, conservata in due depositi siti a Roma e a Pomezia. A tal fine, a seguito dell’analisi archivistica e storico-istituzionale, è stata elaborata una scheda di censimento cartacea e uno sviluppo della stessa in MSAccess per la gestione informatizzata dei dati rilevati.

Committente: Cooperativa Bes

Per la parte di nostra competenza si deve a Susanna Oreffice l'impostazione del lavoro e il coordinamento per la schedatura; ha collaborato Maria Pia Bumbaca. L'applicativo è stato realizzato da Stefano Tonazzi.

Federazione italiana lavoratori emigranti e famiglie – FILEF

2013

Dopo il trasferimento dell’archivio della FILEF dalla sede dell’Istituto Fernando Santi all’Archivio storico della CGIL, l’intervento è consistito nell’ordinamento sommario e nella descrizione per serie del fondo, che ha una consistenza di circa 10 ml e copre l’arco cronologico 1969-2005.

Committente: Confederazione generale italiana del lavoro - CGIL

Il lavoro è stato svolto da Nicola Pastina.

Federazioni sportive nazionali

2004-2008

Abbiamo elaborato, insieme alla Soprintendenza archivistica per il Lazio, un progetto di censimento del materiale documentario presente presso il CONI, le federazioni sportive nazionali, gli enti di promozione e le società sportive presenti sul territorio laziale e romano, con lo scopo di offrire strumenti di descrizione utili per la tutela archivistica come per la ricerca storica. Per la parte relativa alle federazioni sono state prese in esame quelle pugilistica, di atletica leggera, sport equestri,  baseball, ginnastica, scherma, canottaggio, tennis, tennistavolo. È stato censito anche l’archivio del Reale Circolo canottieri Tevere Remo.

Committente: Soprintendenza archivistica del Lazio

Il lavoro, coordinato da Nicola Pastina, è stato svolto da Marzia Azzolini, Alex Nicora, Ilaria Romeo, Patrizia Ventura.

Ferrovia adriatica sangritana

2015-2016

La Ferrovia adriatica sangritana (ora assorbita da TUA – Società unica abruzzese di trasporto) ci ha incaricato di realizzare la migrazione dei dati sulla piattaforma Collective Access e ideare il sito web che consente di far conoscere il patrimonio documentale e materiale conservato. Il lavoro è stato realizzato in partnership con Promemoria.

Committente: Ferrovia adriatico sangritana

Hanno seguito l'attività Cristina Saggioro, Leonardo Musci e Guido Giobbi (ideazione grafica). La piattaforma web è stata realizzata in collaborazione con Promemoria.

Finsiel. Servizio prevenzione e protezione

1999-2000, 2002-2003

Nell’ambito di un affidamento in outsourcing di servizi archivistici, è stato creato un software per la rilevazione dei dati gestionali contenuti nei documenti prodotti e ricevuti dal Servizio protezione e prevenzione (SPP) di Finsiel. L’applicativo consente di reperire documenti sulla base di un alto numero di chiavi e di dizionari controllati e condizionati (luoghi, materie, oggetti, tipi di documento, corrispondenti, ecc.).

È stata in seguito fatta una revisione dei vocabolari controllati utilizzati in fase di schedatura.

Committente: Servizi logistici integrati - SLI

Il lavoro è stato svolto da Leonardo Musci (architettura dati) e Stefano Tonazzi (sviluppo). La normalizzazione della descrizione è stata curata da Leonardo Musci e Susanna Oreffice.

Fondazione Musei Senesi

2016-2017

La Fondazione Musei Senesi ha voluto allestire un ambiente per la catalogazione del patrimonio museale dei 45 istituti aderenti ed eventualmente per la descrizione dei loro archivi. Elemento cardine è la costruzione di un sistema informativo complesso in grado di accogliere i dati di catalogo e di permettere la costruzione di una rete di relazioni tra le descrizioni e le entità ricorrenti nelle descrizioni.
In collaborazione con Promemoria abbiamo provveduto a impiantare un sistema di backend condiviso fra i 45 soggetti, a formare e assistere gli operatori e a preparare il sito web sul quale sarà possibile interrogare i cataloghi e accedere ai servizi informativi del progetto.

Il lavoro è stato gestito da Cristina Saggioro.

Fondazione Museo della Shoah

2014

La Fondazione è impegnata nella schedatura analitica dei documenti ricevuti in donazione e del materiale documentario raccolto tramite campagne di ricerca in diversi archivi italiani e internazionali. Abbiamo ricevuto l’incarico di gestire la manutenzione non evolutiva dell’applicativo GEA5 in loro possesso e di realizzare la migrazione su quella piattaforma di un database della loro videoteca.

Committente: Fondazione Museo della Shoah

Il lavoro è stato curato da Leonardo Musci e Raffaella Di Lucente.

Fondazione Roma

2016-2017

Fondazione Roma detiene gli archivi della Cassa di risparmio di Roma (1836-1992) e del Monte di pietà di Roma (1539-1937).
Dal novembre 2016 Memoria ha l’incarico di gestire l’archivio storico occupandosi di tutte le mansioni tipiche di tale servizio: assistenza ai ricercatori, governo della sala studio, controllo dei depositi, arricchimento degli strumenti di corredo, interlocuzione con i soggetti istituzionali di riferimento.

Nel 2017 siamo stati incaricati di completare l’inventaziarione del Fondo Cassa di risparmio di Roma.

Committente: Fondazione Roma

Il servizio è reso attualmente da Nicola Pastina e Francesca Garello.
Il lavoro di inventariazione è svolto da Monica Spivach con il coordinamento di Leonardo Musci e Nicola Pastina.

Fondo Biblioteca internazionale del fanciullo – BIF

2000

Il fondo si è costituito a partire dal 1962 con doni e scambi internazionali di libri per l’infanzia e ha una consistenza di 4500 volumi della più diversa provenienza (sono rappresentate tutte le aree linguistiche mondiali).
La catalogazione ha riguardato i volumi scritti in lingue i cui alfabeti o traslitterazioni sono supportate da SBN. È stato nostro onere predisporre le traduzioni e le traslitterazioni di tutti gli elementi utili per la catalogazione, ivi comprese le importanti notizie sull’area grafica vista la ricchezza dei disegni e delle illustrazioni.

Committente: Biblioteca statale Antonio Baldini, Roma

Il lavoro è stato svolto nel 2000 da Lucia Antonelli, Laura Chinappi, Antonella Fallerini, Andrea Marchitelli, Luigia Romani e Francesca Rossi (coordinatrice).

Giudice conciliatore di Roma

2000

Gli archivi dei nove uffici mandamentali del Giudice conciliatore di Roma (1878-1979) erano detenuti dall’Avvocatura comunale. In occasione del loro versamento all’Archivio di Stato di Roma (sede di via Galla Placidia) si è proceduto alla separazione dei fondi (in parte frammisti), alla ricostruzione storico-istituzionale delle aree territoriali di competenza, alla costituzione delle serie archivistiche con la redazione della proposta di scarto sulla base delle indicazioni della Commissione di sorveglianza. È stato redatto un inventario sommario che funge ora da strumento di accesso al fondo in Archivio di Stato.

Committente: Comune di Roma. Avvocatura

Il lavoro è stato svolto da Nicoletta Valente (coordinatrice) e Gina Antonetti nella primavera del 2000.

Goria Giovanni, politico

2004-2005

La Fondazione Giovanni Goria di Asti persegue l’obiettivo di raccogliere documentazione proveniente da archivi diversi che integri il fondo personale del politico, più volte ministro e presidente del Consiglio nel 1987-1988. Abbiamo svolto una ricerca in alcuni archivi romani, sia statali che privati, per reperire documenti prodotti o ricevuti da Goria nell’esercizio delle sue molteplici funzioni. Il risultato della ricerca è compreso nell’appendice documentaria in coda all’inventario delle carte Goria.

Committente: Fondazione Giovanni Goria

Il lavoro di ricerca è stato svolto da Sabrina Auricchio, Leonardo Musci e Nicoletta Valente.

Grassi Giovanni Battista, zoologo

1997-1998

Giovanni Battista Grassi (1854-1925) è stato professore di zoologia, anatomia e fisiologia animale. I suoi studi spaziano dalle caste delle società delle termiti alla migrazione delle anguille, ma il suo nome è legato all’identificazione dell’insetto vettore del plasmodio malarico.
Abbiamo curato il riordinamento e la stesura dell’inventario delle carte personali conservate presso l’Istituto di anatomia comparata dell’Università di Roma La Sapienza. Il fondo è costituito da 46 scatole di materiale archivistico e 11 di estratti e pubblicazioni.
Un resoconto del lavoro si trova in E. Capanna – E. Mazzina, Il fondo archivistico Grassi presso il Museo di Anatomia comparata dell’Università di Roma ‘La Sapienza’, in «Medicina nei secoli. Arte e scienza», 10/3, 1998, pp. 433-445.

Committente:

L'inventario è stato curato da Marco Grispigni ed Emanuela Mazzina.

Guarneri Felice, dirigente d’impresa

2009

Felice Guarneri (1882-1955), di solidi studi economici e formazione confindustriale, ricoprì cariche di responsabilità manageriale e politica nell’ambito degli enti pubblici e delle maggiori imprese italiane. Fu sottosegretario  e poi ministro agli Scambi e valute (1936-1939). Fu presidente del Banco di Roma dal 1940 al 1943. Le sue carte furono donate dagli eredi al Banco nel 1989 e fanno oggi parte del patrimonio storico archivistico di Unicredit Group.
Il lavoro di ordinamento e inventariazione dell’archivio si è inserito nell’incarico generale di sistemazione dell’archivio del Banco di Roma. Di rilievo le carte del suo periodo ministeriale (in particolare i “Rapporti al Duce”) che integrano l’archivio del Ministero conservato all’Archivio centrale dello Stato.
L’archivio è stato oggetto il 24 ottobre 2013 di una comunicazione di Fabio Del Giudice e Flavia Magnolfi nell’ambito di un ciclo sugli archivi di persona (qui il programma).

Committente: Banca di Roma

L'inventario è opera di Leonardo Musci.

Guida agli archivi storici delle Camere di commercio italiane

1993-1996, 2001-2003

L’Unioncamere ha promosso una iniziativa di valorizzazione degli archivi storici delle Camere di commercio attraverso la pubblicazione di una guida che desse conto della variegata situazione dei fondi conservati dalle Camere o dagli Archivi di Stato. La Guida agli archivi storici delle Camere di commercio italiane, a cura di E. Bidischini e L. Musci, Roma 1996, è scaricabile dal sito della Direzione generale per gli archivi. Il volume ha contribuito a stimolare diversi interventi di ordinamento e inventariazione degli archivi camerali e si è sentita la necessità di aggiornare il lavoro, pur non ricorrendo alla tradizionale uscita a stampa. Abbiamo progettato e realizzato la versione web della Guida, con dati aggiornati al gennaio 2002 e una nuova struttura di presentazione. Il lavoro è attualmente consultabile all’interno del Portale delle camere di commercio d’Italia, purtroppo senza la dichiarazione dei crediti d’autore.
A corredo della Guida abbiamo altresì progettato (e il Servizio Pubblicazioni e studi della Direzione generale per gli archivi ne ha permesso la realizzazione) un repertorio storico sistematico delle fonti normative del sistema camerale italiano.

Committente: Unioncamere - Unione italiana delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura

La raccolta dei dati di base per l'aggiornamento web al 2001 è stata curata da Cristina Cannizzo. Leonardo Musci e Stefano Quieti hanno progettato e realizzato nel 2002 il sito web con il coordinamento generale di Elisabetta Bidischini (Unioncamere). Roberta Sibbio ha realizzato il repertorio delle fonti normative.

Insolera Italo, architetto

2014-2015

Italo Insolera (1929-2012) è stato un architetto, urbanista e storico. Ha insegnato nelle università di Roma, Venezia e Ginevra e ha dato un contributo fondamentale allo studio dell’evoluzione storica, urbanistica e sociale di Roma. Il suo archivio è stato dichiarato di interesse storico nel 2003.
Il nostro intervento di riordino e descrizione ha riguardato la sezione delle fotografie, alla quale stava lavorando lo stesso Insolera.

Committente: Soprintendenza archivistica del Lazio

Il lavoro è stato curato da Cristina Saggioro e Nicoletta Valente.

Istituto centrale per il restauro

2008

Nel 2008 la Direzione generale per gli archivi ci ha affidato il riordinamento e l’inventariazione dell’archivio storico dell’Istituto centrale per il restauro, compreso, per convenzione, tra gli anni che vanno dall’istituzione (1939) alla fine della direzione di Pasquale Rotondi (marzo 1973). L’archivio, complesso per struttura e ricco di eventi che raccontano la storia dei beni artistici in Italia e gli interventi volti alla tutela e al restauro, è stato schedato analiticamente con il software GEA 4, arricchendo la descrizione con un dettagliato apparato di ricerca per toponimi, antroponimi, enti e descrittori, questi ultimi strutturati per opere d’arte, autori e luoghi di conservazione.

Committente: Ministero per i beni e le attività culturali. Direzione generale per gli archivi

Il lavoro è stato svolto da Raffaella Crociani, Susanna Oreffice e Cristina Saggioro con la supervisione di Leonardo Musci.

Istituto chimico di via Panisperna

1995

Inventario del piccolo nucleo documentario (4 scatole, 1870-1910) dell’Istituto chimico di via Panisperna salvatosi durante il trasloco della struttura nella Città universitaria negli anni Trenta. La schedatura delle 656 lettere è stata eseguita con il software DBIIIplus, secondo il tracciato elaborato per la schedatura degli archivi scientifici dal gruppo di Storia della Fisica del Dipartimento di Fisica dell’Università di Roma “La Sapienza”, dove il fondo è conservato.

Committente: Università degli studi di Roma La Sapienza. Dipartimento di Fisica

Il lavoro è stato svolto da Nicoletta Valente.

Istituto della Enciclopedia italiana fondata da G. Treccani. Archivio di deposito

1995-2012, 2017

Il lavoro riguarda il materiale archivistico versato dalle diverse redazioni e uffici dell’Istituto all’Archivio storico. A partire dal 1995 e quasi ininterrottamente fino a oggi abbiamo svolto attività di individuazione e ordinamento sommario di fondi e serie, di ricondizionamento e collocazione logica delle unità di conservazione, di elaborazione di strumenti di corredo sommari. Insieme a queste attività è stata sempre effettuata la selezione del materiale da proporre per lo scarto sulla base del massimario di conservazione approvato dall’Istituto e dalla Soprintendenza archivistica per il Lazio. La consistenza complessiva dell’archivio è di oltre 1.500 metri lineari. Le carte coprono un arco cronologico che va dagli anni ’40 del Novecento al 2011. Tutto il materiale è descritto con l’applicativo GEA. Unitamente a questi interventi sono stati organizzati e gestiti alcuni trasferimenti dell’intero complesso documentario tra le diverse sedi di deposito fino all’attuale di Santa Palomba (Pomezia).

Nel 2012 abbiamo organizzato il deposito in Archivio centrale dello Stato dell’archivio Treccani fino all’anno 2000.

Fino al 2012 abbiamo curato inoltre il servizio di ricerca e reperimento dei documenti per le utenze interne all’Istituto.

Committente: Istituto della Enciclopedia italiana fondata da Giovanni Treccani

I lavori sono stati coordinati, in fasi diverse, da Leonardo Musci, poi da Sabrina Auricchio e infine da Nicola Pastina. Hanno collaborato a più riprese Gina Antonetti, Marzia Azzolini, Riccardo Bassani, Giacomo Consoli, Federica Favino, Norma Francalanci, Paola Getuli, Silvia Giugno, Renzo Iacobucci, Adele Laganà, Lina Marzotti, Alex Nicora, Gabriella Pier-Louis, Roberta Rampa, Vincenzo Reale, Augusto Santocchi, Enrica Serinaldi, Patrizia Severi, Roberta Sibbio, Valeria Sisti, Ornella Stellavato, Nicoletta Valente.

Istituto della Enciclopedia italiana fondata da G. Treccani. Fondi redazionali storici

2003-2007

Abbiamo svolto attività di riordinamento e schedatura analitica sui fondi delle opere concluse presi in carico dall’Archivio storico: Enciclopedia italiana di scienze lettere ed arti e sue appendiciDizionario biografico degli italianiDizionario enciclopedico italiano. SupplementoEnciclopedia dantescaEnciclopedia dei papiEnciclopedia dell’arte antica classica e orientaleEnciclopedia delle scienze fisicheEnciclopedia virgilianaEnciclopedia del NovecentoScienza e tecnicaContratti dei collaboratori. Di questi fondi sono stati prodotti inventari in formato elettronico (software GEA).
Nel 2007 abbiamo contribuito alla redazione della Guida all’Archivio storico.

Committente: Istituto della Enciclopedia italiana fondata da Giovanni Treccani

I diversi lavori sono stati coordinati da Nicola Pastina. Hanno partecipato Marzia Azzolini, Mirella Cannizzaro, Alessia Capparucci, Silvia Giugno, Alex Nicora, Valeria Sisti, Ornella Stellavato. Il lavoro sulla Grande Enciclopedia è stato svolto da Alessandra Cavaterra.

Istituto della Enciclopedia italiana fondata da Giovanni Treccani (patrimonio iconografico)

1996-1997

Obiettivo dell’intervento è stato quello di fornire all’Istituto della Enciclopedia italiana (Treccani) un quadro completo del materiale iconografico posseduto, in parte utilizzato nel corso degli anni per la produzione delle opere editoriali. La consistenza del materiale – custodito in più sedi e prodotto da più uffici e redazioni – è risultata di circa 500.000 documenti, in massima parte fotografie, prodotti a partire dagli anni ’20 del Novecento. Il censimento ha privilegiato l’aspetto descrittivo generale e l’aspetto topografico. Per ogni unità archivistica sono stati rilevati – con un applicativo elaborato dal servizio informatico Treccani – il contesto di produzione, il titolo, la consistenza, le misure, i supporti, le tecniche di ripresa, il luogo e la qualità di conservazione e, dove possibile, la titolarità sul copyright.

Committente: Istituto della Enciclopedia italiana fondata da Giovanni Treccani

Il lavoro, coordinato da Marco Grispigni e Leonardo Musci, è stato svolto da Federica Favino, Stefania Glori, Carla Nieri, Nicola Pastina, Enrica Serinaldi e Patrizia Severi.

Istituto della Enciclopedia italiana fondata da Giovanni Treccani (patrimonio iconografico)

2014

Il lavoro è consistito nell’individuare fondi e serie d’origine delle immagini cartacee e digitali custodite sia presso la sede dell’Archivio storico sia presso l’archivio di deposito. Una volta ricondotte alla provenienza originale, le immagini – circa 285.000 – sono state descritte sommariamente in un elenco di consistenza e condizionate in faldoni. Sono inoltre state individuate e segnalate per lo scarto le immagini di cui l’Istituto non possiede i diritti di riproduzione.

Committente: Istituto della Enciclopedia italiana fondata da Giovanni Treccani

Il lavoro, coordinato da Nicola Pastina, è stato svolto con la collaborazione di Lina Marzotti e Sveva Pacifico.

Istituto Fernando Santi

2013

Il lavoro è consistito nel trasferimento presso l’Archivio storico della CGIL della documentazione prodotta dall’Istituto Fernando Santi negli anni 1981-1993, nell’ordinamento sommario del fondo e nella descrizione delle serie.

Committente: Confederazione generale italiana del lavoro - CGIL

Il lavoro è stato svolto da Nicola Pastina.

Istituto internazionale Giuseppe Garibaldi

2009

L’intervento ha avuto lo scopo di individuare i fondi e le serie che compongono l’archivio dell’Istituto. Una volta individuati, essi sono stati ordinati in modo sommario e descritti in una guida. L’archivio (circa 40 metri lineari per un arco cronologico 1870-1980) è composto dai fondi istituzionali Società di mutuo soccorso tra i reduci delle patrie battaglie Giuseppe Garibaldi, Legione Garibaldina, Ospedale Giuseppe Garibaldi (La Maddalena), Ospedale opera pia Costanza Garibaldi (Riofreddo) e dai fondi personali Ricciotti Garibaldi senior, Costanza Garibaldi, Ezio Garibaldi, Peppino Garibaldi, Ricciotti Garibaldi junior, Annita Italia Garibaldi, Rosa Garibaldi.

Committente: Istituto internazionale Giuseppe Garibaldi

Il lavoro è stato svolto da Nicola Pastina.

Istituto medico-pedagogico Sante De Sanctis

2010-2011

Nell’ambito di un intervento su alcuni fondi minori conservati dal Centro studi e ricerche della ASL Roma E abbiamo ordinato e inventariato le carte di questo importante istituto nato nel 1933 come reparto aperto del Santa Maria della Pietà per l’assistenza e la rieducazione dei fanciulli deficienti e sviluppatosi anche come centro di osservazione per gli studi sulla neuropsichiatria infantile. La parte più cospicua dell’archivio è costituita dalle cartelle cliniche, rinvenute nel loro ordine originale. Le altre serie, in particolare Atti e corrispondenza, rivelano diverse lacune.
Gli inventari si possono consultare sulla pagina degli archivi storici del Polo museale.

Committente: Azienda sanitaria locale ASL Roma 1 (ex Roma E)

L'inventario è opera di Marzia Azzolini e Nicola Pastina con la collaborazione di Vera Fusco.

Istituto mobiliare italiano – IMI

2003

Durante lo svolgimento del lavoro di schedatura dei mutui dell’IMI abbiamo curato l’ordinamento e l’inventariazione di un piccolo ma significativo fondo, il cui inventario è stato pubblicato nel 2004 a cura dell’Istituto: Investment Information Office. Inventario (1957-1966).

Committente: Istituto bancario San Paolo IMI

L'inventario è a cura di Susanna Oreffice e Cristina Saggioro.

Istituto mobiliare italiano – IMI

2012

Un nuovo intervento ha riguardato la schedatura sommaria della serie Servizio tecnico, economato e patrimonio dell’archivio dell’IMI, in parte finalizzata a selezionare la documentazione da scartare.

Committente: Italarchivi srl

Il lavoro è stato curato da Susanna Oreffice.

Istituto mobiliare italiano – IMI

2010

Nel 2010, in seguito alla dismissione della sede storica dell’Istituto mobiliare italiano di viale dell’Arte a Roma e al versamento in archivio storico di parte della documentazione selezionata per la conservazione, abbiamo redatto un nuovo inventario topografico dei circa 3500 ml di documenti, comprendente tutti i fondi e le serie dell’archivio ad eccezione della serie Operazioni di mutuo, e abbiamo redatto una ulteriore proposta di scarto.

Committente: Intesa Sanpaolo

Il lavoro è stato svolto da Susanna Oreffice e Cristina Saggioro.

Istituto nazionale assicurazione contro gli infortuni sul lavoro – INAIL

2000-2001

Nell’ambito del Progetto ArchInail riguardante la ricognizione, schedatura, riorganizzazione e trasferimento degli archivi delle sedi periferiche dell’Istituto abbiamo partecipato in qualità di esperti archivisti al gruppo nazionale, curando i rapporti con l’amministrazione archivistica ed elaborando l’elenco delle serie più significative, rilevate in alcune sedi pilota. Il progetto prevedeva inoltre un corso di formazione rivolto agli operatori che avrebbero operato sul territorio per conto del Raggruppamento temporaneo d’impresa vincitore dell’appalto. Nella fase di impostazione del lavoro di schedatura abbiamo affiancato gli analisti di sistema per l’elaborazione del software di gestione. Durante l’avvio delle attività è stata infine fornita una consulenza per la revisione del titolario di classificazione.

Committente: CNI spa

La consulenza è stata gestita da Susanna Oreffice.

Istituto nazionale della previdenza sociale – INPS

2017

Dal 1° marzo 2017 Memoria è affidataria per due anni del servizio archivistico e bibliotecario presso l’Archivio storico e Biblioteca dell’INPS.

Committente: Istituto nazionale della previdenza sociale - INPS

Il servizio è attualmente fornito da Raffaella Crociani, Francesca Garello, Susanna Oreffice ed Erika Vettone per l'archivio e da Francesca Pizzetti per la biblioteca. Leonardo Musci ha la responsabilità del coordinamento generale.

Istituto romano per la storia d’Italia dal fascismo alla Resistenza – IRSIFAR

2004-2006

Obiettivo del progetto era di raccogliere informazioni sullo stato degli archivi delle scuole superiori statali istituite a Roma e provincia tra il 1870 e il 1962 (data della legge sulla scuola media unificata). Il lavoro, svolto in collaborazione con la Soprintendenza archivistica per il Lazio e l’Istituto per la storia d’Italia dal fascismo alla Resistenza di Roma (IRSIFAR), è stato pubblicato in Memorie di scuola. Indagine sul patrimonio archivistico delle scuole di Roma e provincia (Milano, Franco Angeli, 2006), pp. 37-77.

Committente: Istituto romano per la storia d’Italia dal fascismo alla Resistenza - IRSIFAR

Il lavoro è stato curato da Roberta Sibbio e Nicoletta Valente.

La Grande Guerra nei comuni del territorio dei Cimini

2014-2015

Nell’agosto 2014 la Comunità montana dei Cimini ci  ha coinvolto nel progetto La Grande Guerra nei comuni del territorio dei Cimini, incaricandoci di selezionare nove laureati in scienze umanistiche, formarli in materia archivistica e di ricerca storica e affiancarli nell’impostazione di ricerche da svolgere negli archivi dei comuni della Comunità montana. Le ricerche hanno prodotto degli elaborati che sono stati raccolti in un volume, edito da Memoria, e alcuni materiali utilizzati per l’allestimento di una mostra che è stata allestita in diversi comuni appartenenti alla Comunità.
Il volume è scaricabile in formato e-pub.

Committente: Comunità montana dei Cimini

Il lavoro è stato curato da Nicola Pastina.

La Provincia Capitale. Storia di una istituzione e dei suoi presidenti

2005

In occasione del 135° della istituzione, la Provincia ha messo in cantiere diverse iniziative fra cui la pubblicazione del volume La Provincia Capitale. Storia di una istituzione e dei suoi presidenti, a cura di Roberto Del Signore, Roma 2005. Abbiamo avuto l’incarico di contribuire con due saggi introduttivi (Nicola Pastina e Susanna Oreffice, Profilo storico della Provincia; S. Oreffice, Evoluzione storico-giuridica della carica di presidente) e alcuni profili biografici curati da Leonardo Musci e Arianna Terzi (Ernesto OrreiPietro Lante della RovereGualtiero FraschettiGiorgio AndreoliGiuseppe BrunoPaolo PulciEttore PontiGirolamo MechelliFrancesco MaggiLamberto ManciniGiorgio Fregosi).

Committente: Provincia di Roma

La Rosa Michele, fisico

2003

Michele La Rosa (1880-1933), palermitano, allievo di Damiano Macaluso, è ricordato anche per gli studi teorici dedicati alla confutazione della teoria della relatività di Einstein.
Nel 2003 abbiamo realizzato l’inventario del fondo (6 buste, 1903-1936), che conserva prevalentemente corrispondenza e in misura minore documentazione personale (tra cui fotografie) e materiale a stampa. Le 543 lettere, schedate e digitalizzate, sono consultabili sul sito del progetto Lazio’900, cui l’Accademia aderisce.

Committente: Accademia nazionale delle scienze detta dei XL

Il lavoro è stato realizzato da Beatrice Ortu con la supervisione di Nicoletta Valente.

Lazio’900

2015-2017

La Fondazione Lelio e Lisli Basso, in qualità di capofila del progetto “Organizzazione e produzione di cultura negli archivi privati del ‘900” finanziato dalla Regione Lazio, ci ha incaricato di gestire il passaggio degli inventari archivistici informatizzati dall’ambiente GEA alla piattaforma Archiui (alla cui realizzazione abbiamo collaborato). L’attività ha previsto una fase di analisi delle basidati esistenti (per un totale di circa 300.000 record), la progettazione di una migrazione evolutiva rispetto alla precedente architettura, incontri formativi e il riversamento informatico sulla nuova piattaforma.
Grazie a un finanziamento dell’Istituto centrale per gli archivi questo progetto ha avuto una nuova esposizione web, realizzata da Promemoria, che abbiamo chiamato Lazio’900 per tenere il filo con la cessata esperienza di Archivi del Novecento. Al progetto hanno cominciato ad aderire nuove realtà: attualmente conta 16 aderenti.

Committente: Istituto centrale per gli archivi - ICAR e Fondazione Lelio e Lisli Basso - ISSOCO

L'attività è stata svolta da Leonardo Musci e Cristina Saggioro. Un ringraziamento a Cristina Farnetti che ci ha creduto.

Le scuole per i contadini

2005

L’archivio, purtroppo molto lacunoso, documenta le attività di una realtà di “apostolato sociale”, scaturito dall’iniziativa di medici, artisti, letterati e signore della borghesia colta: tra i nomi più noti Angelo e Anna Celli, Domenico Cena, Sibilla Aleramo, Duilio Cambellotti. Suoi cardini furono la lotta contro l’analfabetismo delle classi rurali e la diffusione della cultura igienica tra i contadini dell’agro romano e di quello pontino. Particolare attenzione fu posta all’edilizia scolastica.
Il lavoro di ordinamento e inventariazione si è svolto nell’ambito di un intervento più ampio sul patrimonio documentario del Museo storico della didattica ‘Mauro Laeng’ dell’Università degli studi Roma Tre (posseduto bibliografico e museale). Al fondo è aggregata una raccolta fotografica di quasi 1400 positive, provenienti dall’ente stesso e da donazioni di privati.

Committente: Università degli studi Roma Tre. Dipartimento di Scienze della formazione. Museo storico della didattica Mauro Laeng

L'inventario è stato curato da Michela Chiapponi e Lucilla Less. Leonardo Musci ha supervisionato il lavoro.

Le scuole per i contadini

2008

Abbiamo curato l’attività di digitalizzazione della raccolta di fotografie, comprendente circa 1400 positive, e l’associazione delle immagini digitali alle schede descrittive.

Committente: Università degli studi Roma Tre. Dipartimento di Scienze della formazione. Museo storico della didattica Mauro Laeng

Liceo classico Ennio Quirino Visconti di Roma

1994

Nell’ambito di un progetto di valorizzazione del patrimonio documentario e museale dello storico liceo classico romano, finanziato dal Consiglio nazionale delle ricerche, è stato realizzato un primo intervento di inventariazione sull’archivio scolastico fino al 1942.

Committente: Liceo classico statale Ennio Quirino Visconti di Roma

L'inventario è firmato da Stefania Glori, Emanuela Mazzina e Piero Santoni.

Liceo classico statale Augusto di Roma

2008

In occasione dei 70 anni dalla istituzione (1937) del Liceo abbiamo curato l’allestimento di una mostra documentaria sulla storia della scuola attraverso i documenti conservati nel suo archivio e altri messi a disposizione da ex alunni. La mostra è stata inaugurata il 19 aprile 2008 presso la sala multimediale “Giulia Songini” del liceo alla presenza del sindaco di Roma, Walter Veltroni. Se ve la siete persa, accontentatevi di questo.

Committente: Soprintendenza archivistica del Lazio

La mostra è stata curata da Nicoletta Valente. Hanno collaborato alle ricerche Patrizia Gabrielli e Patrizia Venturi; progetto grafico di Diana Oreffice.

Liceo classico statale Augusto di Roma

2007-2009

È stata avviata un’attività di ricognizione e salvaguardia delle carte del Liceo Augusto, di cui alcune in pessimo stato di conservazione, prima dell’allestimento della mostra per i 70 anni dalla sua istituzione. Grazie a un finanziamento della Soprintendenza archivistica per il Lazio sono stati realizzati, in seguito, l’ordinamento e l’inventariazione dell’archivio.

Committente: Soprintendenza archivistica del Lazio

Augusto Santocchi ha collaborato alle prime attività di movimentazione dell'archivio. Ordinamento e inventariazione sono state curate da Chiara Agostini e Nicoletta Valente (coordinatrice).

Liceo classico statale Giulio Cesare di Roma

2007-2008

In seguito al lavoro di censimento degli archivi delle scuole superiori di Roma e provincia, la Soprintendenza archivistica per il Lazio ha incaricato Nicoletta Valente di avviare l’attività di ricognizione e salvaguardia dell’archivio del Liceo Giulio Cesare, scuola storica del quartiere Trieste.

Il lavoro ha prodotto un inventario che descrive la documentazione che va dal 1933, anno della fondazione del Liceo, al 1999. Sono conservati i registri delle riunioni degli organi collegiali, i registri di frequenza degli alunni, i diplomi originali, gli incartamenti degli esami di maturità, le pratiche, i documenti contabili e amministrativi e un bellissimo fondo fotografico con le foto di classe. Si conserva anche l’archivio della scuola parificata Torricelli di Roma.

Committente: Soprintendenza archivistica del Lazio

Il lavoro è stato svolto da Nicoletta Valente coadiuvata da Augusto Santocchi per la logistica.

Liquidazione dell’Asse ecclesiastico

2003

In seguito alle leggi del 1866 e seguenti sulla liquidazione dei beni appartenenti a enti religiosi e non legati all’attività di culto si è venuto formando presso la Direzione generale del demanio e tasse delMinistero delle finanze un grande archivio che era stato versato solo in minima parte all’Archivio centrale dello Stato. La parte più consistente dell’archivio si trovava ancora nel 2002 nei sottotetti dello storico palazzo del Ministero del tesoro (ora dell’economia e delle finanze) in via XX Settembre a Roma. Nel 2003 il Dipartimento del tesoro ci ha incaricato di procedere a un intervento complessivo, mirato a predisporre la documentazione per il versamento in ACS e il ricongiungimento con le carte là conservate (ma restano comunque alcune significative lacune).
Dopo il suo trasferimento nella struttura di Castelnuovo di Porto abbiamo effettuato l’analisi preliminare per l’identificazione del materiale appartenente al fondo, la ricognizione per l’individuazione e la ricostituzione delle serie, la schedatura con il software Gea 4.0 dei circa 18.000 fascicoli con documenti compresi fra il 1866 e il 1930 circa, l’indicizzazione onomastica, la rinumerazione e l’ordinamento delle unità di conservazione e infine l’elaborazione dell’indice topografico.
Il lavoro è stato presentato in una giornata di studio tenutasi il 4 luglio 2003 nella Sala del Parlamentino presso il Ministero dell’economia e delle finanze (questa una breve sintesi della nostra presentazione).

Committente: Ministero dell'economia e delle finanze. Dipartimento del tesoro

Il gruppo di lavoro è stato composto da Sabrina Auricchio (coordinatrice), Laura Cicconi, Giacomo Consoli, Raffaella Crociani, Giovanna Mattino e Roberta Rampa.

Lombardi Antonio, chimico e bibliotecario

2003

Antonio Lombardi (1768-1847) è stato segretario per più di venti anni (1801-1824) della Società italiana delle scienze, diventata poi Accademia nazionale delle scienze detta dei XL. Nel 1794, la sua preparazione umanistica lo porta a lavorare, prima come vice, poi come bibliotecario capo, presso la Biblioteca Estense, dove operò fino alla morte.
Il suo fondo (389 documenti, 1811-1847), è stato riordinato e schedato a livello di documento nel 2003; la corrispondenza è stata digitalizzata. L’inventario è pubblicato sul sito del progetto Lazio’900, cui l’Accademia aderisce.

Committente: Accademia nazionale delle scienze detta dei XL

L'inventario è a cura di Laura Cicconi e Nicoletta Valente.

Macaluso Damiano, chimico

2003

Damiano Macaluso (1845-1932) dopo la laurea a Roma studia a Lipsia. Tornato a Palermo è assistente di Pietro Blaserna. Da docente (1886) si occupata prevalentemente della formazione di giovani fisici: sono suoi allievi Orso Mario Corbino, Michele La Rosa, Michele Cantone e Giovan Pietro Grimaldi. Come ricercatore il suo nome è legato al comportamento della luce polarizzata.
Il piccolo fondo (1871-1941, una scatola)  è costituito da materiale a carattere privato e da molti estratti. L’inventario è pubblicato sul sito del progetto Lazio’900, cui l’Accademia aderisce.

Committente: Accademia nazionale delle scienze detta dei XL

Il fondo è stato inventariato da Beatrice Ortu.

Maccarese spa

2014-2016

L’intervento sull’archivio della grande azienda agricola di Maccarese, ora nel Comune di Fiumicino, si è svolto finora in due fasi.
Una prima, commissionata da Fondazione Benetton Studi e Ricerche, ha riguardato la ricognizione di dettaglio dell’archivio e ha prodotto un primo strumento di ricerca e la pianificazione di un intervento descrittivo di tipo inventariale. La seconda, commissionata da Maccarese spa, si è conclusa con l’ordinamento generale dell’archivio (circa 400 metri lineari), la sua descrizione per serie e sottoserie, il ricondizionamento e la segnatura di tutto il materiale.
Il lavoro è stato presentato il 16 settembre 2016 nel Castello Rospigliosi di Maccarese. Un servizio sull’archivio è stato realizzato dal TG3 del Lazio ed è visibile qui (dalle ore 7:46 alle 7:50 e poi da 7:56 a 7:58).

Committente: Maccarese spa

Il lavoro 2014 è stato svolto da Susanna Oreffice con la collaborazione di Nicola Pastina.
Il lavoro 2015-2016, diretto da Susanna Oreffice, ha visto impegnati anche Nicola Pastina e Stella Zambonini.

Manacorda Mario Alighiero, pedagogista

2017

Mario Alighiero Manacorda (1914-2013) è stato pedagogista, storico e uomo di cultura. Figlio dello storico Giuseppe, nel corso della sua lunga attività come saggista, pedagogista (autore di molti studi sulla riforma della scuola), direttore di riviste («Rinascita» e «Voce della scuola democratica»), politico (responsabile della sezione scuola del Partito comunista italiano) e altro, ha prodotto un archivio la cui consistenza è attualmente di circa 15 metri lineari. Siamo stati incaricati dal Dipartimento di procedere allo studio, schedatura, ordinamento e inventariazione dell’archivio.
Il lavoro sarà consultabile entro la fine dell’anno sulla piattaforma ArchiUi in uso presso l’ente.

Committente: Università degli studi Roma Tre. Dipartimento di Scienze della formazione. Museo storico della didattica Mauro Laeng

Il lavoro è curato da Nicoletta Valente.

Marconi Plinio, architetto

1999-2001

L’archivio dell’architetto Plinio Marconi (1893-1973) è costituito da circa 5.000 documenti cartografici e fotografici. Si segnalano i materiali relativi ai suoi interventi nel quartiere romano della Garbatella. La schedatura e l’inventariazione sono stati realizzati con un software fornito dall’Università IUAV di Venezia. L’inventario e le immagini digitalizzate sono consultabili in rete sull’OPAC della IUAV.

Committente: Soprintendenza archivistica del Lazio

Il lavoro è stato svolto da Emanuela Mazzina, Fabrizio Triola e Francesca Garello.

Marini Bettolo Giovanni Battista, chimico

2013

Giovanni Battista Marini Bettolo (1915-1996), professore di chimica all’Università cattolica di Santiago del Cile, svolse un ruolo importante in Sud America, dove si interessò di sostanze organiche naturali. Si deve a lui lo studio sul curaro e la sua applicazione in medicina. Nel 1949 ritornò in Italia per lavorare presso l’Istituto superiore di sanità di cui fu presidente tra 1964 e 1971.
Sul suo fondo (65 buste, 1940-1996), composto da materiale preparatorio per le pubblicazioni, corrispondenza, appunti, foto e grafici, abbiamo svolto nel 2013 una prima ricognizione che ha prodotto un elenco delle unità archivistiche senza riordinamento. L’inventario è pubblicato sul sito del progetto Lazio’900, cui l’Accademia aderisce.
Per maggiori informazioni si rimanda a G. Paoloni e N. Valente, G.B. Marini Bettolo e l’Accademia dei XL: un percorso in archivio, in Il curaro degli Indios dell’Amazzonia da veleno a farmaco. Il ruolo di G. B. Marini Bettolo e dell’Istituto superiore di sanità, a cura di P. De Castro e D. Marsili, Istituto superiore di sanità, Roma 2013 (I beni storico-scientifici dell’Istituto superiore di sanità, Quaderno n. 10).

Committente: Accademia nazionale delle scienze detta dei XL

Il lavoro è stato svolto da Alessia Capparucci e Nicoletta Valente.

Marotta Domenico, chimico

2003

Domenico Marotta (1886-1974) ha ricoperto moltissimi incarichi di grande prestigio e responsabilità. Si è occupato anche di agricoltura e di sanità. È stato presidente dell’Istituto superiore di sanità fino al 1961. Nel 1964 è stato indagato e processato per presunte irregolarità commesse durante la sua attività in questo Istituto, la condanna è stata poi revocata in appello.

Il fondo (6 fascicoli, 1919-1971) è stato inventariato nel 2003.

Committente:

Il lavoro è stato svolto da Giovanna Mattino. 

Mazzocchi Alemanni Nallo, economista rurale

2010

Nallo Mazzocchi Alemanni (1889-1967), esperto in particolare di bonifiche e di riforma agraria, ha svolto la propria attività presso diversi enti tra gli anni ’30 e gli anni ’60 del Novecento.
Il suo archivio consta di circa 700 fascicoli ed è composto perlopiù di corrispondenza e progetti di bonifica (notevole pertanto la documentazione tecnica conservata). Nel lavoro, di schedatura analitica e riordinamento, è stata posta particolare cura nel ricostruire l’ordinamento dell’archivio, che si presentava in forte disordine. La schedatura è stata realizzata con il software GEA4.

Committente: Associazione nazionale per gli interessi del Mezzogiorno d’Italia - ANIMI

Il lavoro è stato svolto nel 2010 da Nicola Pastina con la supervisione di Leonardo Musci.

Memorie storiche dell’Aeronautica militare e altre serie

2011

Il fondo Memorie storiche (1923-1943) conserva memorie inviate annualmente da comandi e reparti dell’Aeronautica all’Ufficio storico. Abbiamo riordinato e inventariato questo fondo oltre a schedare alcune serie e parti di fondi afferenti al periodo della II guerra mondiale. La schedatura, analitica per alcune serie e sommaria per altre, è stata eseguita con il software GEA 4.0. Alcuni inventari sono consultabili sul sito dell’Ufficio storico dell’Aeronautica:
Memorie storiche (1923-1943)
Registri Superaereo (1935-1943)
Relazioni Operazioni belliche (1936-1943)
Efficienza bellica velivoli. Situazioni quindicinali (1940-1943)

Committente: Aeronautica militare. Ufficio storico dello Stato maggiore dell'Aeronautica

Il lavoro di inventariazione è stato svolto da Susanna Oreffice e Cristina Saggioro. Emanuela Fiorletta si è occupata delle schedature sommarie. Leonardo Musci ha curato l'impaginazione e la grafica degli inventari.

Militari dell’Aeronautica prigionieri di guerra

2012-2013

Schedatura analitica dei fondi Ministero difesa Aeronautica, Commissione centrale prigionieri di guerra e Stato maggiore dell’Aeronautica, Ufficio caduti e dispersi, che conservano documentazione relativa ai prigionieri di guerra degli anglo-americani durante la II guerra mondiale. Per questo lavoro abbiamo approntato una base dati che comprende, oltre alla descrizione archivistica, dati relativi ai prigionieri, alla cattura, ai campi di prigionia, al giudizio espresso dalla Commissione.

Committente: Aeronautica militare. Ufficio storico dello Stato maggiore dell'Aeronautica

Coordinati da Susanna Oreffice, hanno partecipato alla schedatura Raffaella Crociani, Emanuela Fiorletta, Nicola Pastina, Cristina Saggioro, Erika Vettone.

Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. Direzione generale Arte e architettura contemporanee e Periferie urbane

2015-2016

Abbiamo realizzato il progetto di riordinamento, inventariazione e digitalizzazione degli archivi di alcune direzioni generali cessate le cui competenze sono confluite nell’attuale.

Committente: Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. Direzione generale Arte e architettura contemporanee e Periferie urbane

Il lavoro è stato svolto da Raffaella Crociani e Sveva Pacifico e coordinato da Nicola Pastina.

Ministero del tesoro. Dipartimento del tesoro

2005-2007

Siamo intervenuti sull’intero archivio di deposito del Dipartimento del tesoro. Scopo del lavoro è stata la ricostruzione delle serie archivistiche, l’individuazione della documentazione da versare all’Archivio centrale dello Stato previa selezione e scarto, la ricostruzione dell’organigramma degli uffici che hanno preceduto nelle competenze quelli del Dipartimento. Tra i fondi archivistici trattati (per una consistenza totale di oltre 28.000 faldoni) segnaliamo quelli prodotti da Direzione generale dei danni di guerra, Direzione generale per gli scambi e le valute, Ispettorato generale dei finanziamenti, Ispettorato per i rapporti con l’estero.

Committente: Ministero dell'economia e delle finanze. Dipartimento del tesoro

Al lavoro, coordinato in tempi successivi da Nicola Pastina, Sabrina Auricchio e Susanna Oreffice, hanno collaborato: Marina Angeletti, Giacomo Consoli, Renzo Iacobucci, Alex Nicora, Fabiana Raffaele, Ilaria Romeo, Augusto Santocchi, Ornella Stellavato, Patrizia Ventura.

Ministero del tesoro. Dipartimento del tesoro

2007

Abbiamo dato consulenza per la realizzazione di un piano di classificazione del Servizio dipartimentale per gli affari generali, il personale e le qualità dei processi e dell’organizzazione (SDAG) e della altre direzioni del Dipartimento e la redazione del manuale di gestione.

Committente: Ministero dell'economia e delle finanze. Dipartimento del tesoro

Il lavoro è stato svolto da Susanna Oreffice con la collaborazione di Sarah Di Felice.

Ministero del tesoro. Dipartimento del tesoro

2012

Previo studio dei mezzi di corredo, è stata svolta la formazione del personale addetto alla ricerca delle singole pratiche sul fondo Danni di guerra dell’archivio del Dipartimento del tesoro.

Committente: Ministero dell'economia e delle finanze. Dipartimento del tesoro

Il lavoro è stato curato da Nicola Pastina e Cristina Saggioro.

Ministero della pubblica istruzione. Direzione generale antichità e belle arti, serie Bellezze naturali

2012

La serie Bellezze naturali del fondo Direzione generale antichità e belle arti, conservato in Archivio centrale dello Stato, è stata analizzata per individuare e schedare analiticamente i decreti di notevole interesse pubblico (vincoli) a tutela delle bellezze naturali e del paesaggio emanati sulla base delle leggi 778/1922, 1497/1939 e 431/1985 (legge Galasso). Oltre all’impegno in ACS (circa 1000 faldoni) il lavoro ha riguardato anche una parte dell’archivio della Direzione generale per il paesaggio, le belle arti, l’architettura e l’arte contemporanee stessa, amministrazione attiva committente del lavoro che utilizza il database insieme alle Regioni per le attività di copianificazione paesaggistica.

Committente: Ministero per i beni e le attività culturali. Direzione generale per il paesaggio, le belle arti, l'architettura e l'arte contemporanee

Leonardo Musci ha coordinato un gruppo di lavoro composto da Marzia Azzolini, Naike Conte, Sveva Pacifico ed Erika Vettone. 

Ministero delle finanze. Ufficio del registro di Roma

1999-2000

La riforma degli uffici territoriali delle Agenzie delle entrate (Ministero delle finanze) ha portato nel 1999 alla chiusura della sede dell’Ufficio unico del registro di Roma e all’apertura di otto uffici delle entrate sul territorio provinciale. È stato necessario riorganizzare le funzioni di gestione degli archivi dell’Ufficio (Atti pubblici, Atti privati, Successioni), affidando a una ditta specializzata (la SLI – Servizi logistici integrati) la sezione di deposito e distribuendo ai nuovi uffici le carte correnti. Tale complessa operazione ha presupposto una ricognizione generale degli archivi, lo studio dei processi di formazione delle serie, il rilievo delle segnature di classificazione, ai fini di un ordinato trasferimento delle carte. La consulenza è terminata con la verifica del completamento dell’intero ciclo operativo.

Committente: Servizi logistici integrati - SLI

Il lavoro è stato svolto da Leonardo Musci.

Ministero dello sviluppo economico. Direzione generale per l’incentivazione delle attività imprenditoriali

2011-2012

L’incarico era mirato alla produzione di un piano per la riorganizzazione degli archivi cartacei della Direzione generale per l’incentivazione delle attività imprenditoriali del Ministero dello sviluppo economico con l’introduzione di procedure di gestione più funzionali. In questo contesto è stata eseguita l’acquisizione ottica di un campione rappresentativo della documentazione cartacea, finalizzato alla stesura di uno studio di fattibilità includente una descrizione delle fasi operative, dei tempi necessari e dei costi di un intervento di digitalizzazione dell’intero archivio.

Committente: Promuovi Italia spa

Il gruppo di lavoro, diretto da Susanna Oreffice, era composto da Nicola Pastina, Lina Marzotti e Simone Maiorini (addetto alla digitalizzazione). 

Ministero per i beni e le attività culturali. Direzione generale per il paesaggio, le belle arti, l’architettura e l’arte contemporanee (PBAAC)

2015-2016

Il progetto ha riguardato la sistemazione, il riordino, l’inventariazione e la digitalizzazione degli archivi di alcune direzioni generali cessate le cui competenze confluirono nella Direzione generale per il paesaggio, le belle arti, l’architettura e l’arte contemporanee (dal 2016 Direzione generale Archeologia, belle arti e paesaggio).

Committente: Ministero per i beni e le attività culturali. Direzione generale per il paesaggio, le belle arti, l'architettura e l'arte contemporanee

Il lavoro, coordinato da Nicola Pastina, è stato svolto da Raffaella Crociani e Sveva Pacifico.

Ministero per i beni e le attività culturali. Direzione generale per lo spettacolo dal vivo

2003, 2005

L’archivio era conservato nella sede del Ministero di via della Ferratella in Laterano. Documenta la gestione ministeriale degli spettacoli musicali, teatrali, circensi. Il lavoro ha comportato l’analisi preliminare per l’identificazione del materiale, una schedatura sommaria, un primo ordinamento in serie, il ricondizionamento e l’elaborazione di un elenco di consistenza e topografico. L’intervento era finalizzato alla predisposizione del fondo per il versamento all’Archivio centrale dello Stato.

Committente: Ministero per i beni e le attività culturali. Direzione generale per lo spettacolo dal vivo

Il lavoro è stato svolto dal dicembre 2003 all'agosto 2005 da Sabrina Auricchio (coordinatrice), Paola Getuli e Silvia Giugno. La movimentazione è stata assicurata da Augusto Santocchi, Alessandro D'Andrea e Daniele Manni.

Miolati Arturo, ingegnere chimico

2003

Arturo Miolati (1869-1956) entrò a far parte del gruppo di giovani chimici che lavoravano presso l’Istituto di Chimica di via Panisperna a Roma sotto la direzione di Stanislao Cannizzaro, con il quale approfondì le conoscenze nel campo della chimica-fisica, tanto da diventare uno dei pionieri, in Italia, di questa nuova branca della chimica. Negli ultimi anni si dedicò, insieme all’allievo Giovanni Semerano, a ricerche sul parallelismo tra composti organici ed inorganici alla luce del concetto, da lui sviluppato, di “molecola libera”. Lascia manoscritto e incompiuto un volume complessivo sulle sue teorie di chimica organica (Panorami chimici).
II fondo (7 fascicoli in 4 scatole, 1910-1951) è costituito da corrispondenza personale e scientifica e da estratti di sue opere. Nel 2003 abbiamo inventariato il fondo schedando la corrispondenza a livello del documento. L’inventario è pubblicato sul sito del progetto Lazio’900, cui l’Accademia aderisce.

Committente:

Il lavoro è stato svolto da Giovanna Mattino e Nicoletta Valente.

Monelli Paolo, giornalista e scrittore

2009, 2013

L’archivio del giornalista e scrittore Paolo Monelli (1891-1984) documenta in modo completo la sua attività professionale, in buona parte svolta come grande inviato, in Italia ma soprattutto all’estero, per le principali testate italiane. È altresì un archivio “di costume” per le frequentazioni che Monelli ebbe nei più importanti circoli intellettuali, anche in virtù del suo lungo rapporto sentimentale con Palma Bucarelli, storica dell’arte e per decenni direttrice della Galleria nazionale di arte moderna di Roma.
Sulla sezione documentale dell’archivio, molto disordinata, abbiamo svolto due interventi; una prima ricognizione che ha prodotto un elenco sommario del contenuto delle 361 scatole, tuttora utilizzato per l’accesso degli studiosi, e uno studio più approfondito delle carte, finalizzato alla individuazione delle serie documentarie, a una loro prima descrizione e ordinamento fisico (scaricabile qui). La ricca sezione fotografica (circa 6000 stampe) è ordinata e schedata con gli elementi identificativi essenziali.

Committente: Biblioteca statale Antonio Baldini, Roma

L'elenco è stato redatto da Leonardo Musci e Roberta Sibbio. L'intervento di riordino e descrizione delle serie è stato curato da Nicola Pastina, con la supervisione di Leonardo Musci.

Monneret de Villard Ugo, archeologo

2010

Ugo Monneret de Villard (1881-1954) fu studioso dagli interessi poliedrici. Formatosi come ingegnere, si occupò di storia dell’architettura cristiana, di storia dell’arte islamica in Italia, di topografia egiziana. Particolarmente importanti le numerose missioni archeologiche in Egitto, Nubia e Abissinia.
Il fondo, conservato dalla Biblioteca di archeologia e storia dell’arte (BIASA) di Roma, era dotato di una schedatura analitica, curata da Francesca Zannoni, che abbiamo provveduto a riversare su GEA. Abbiamo poi avanzato una proposta di ordinamento.

Committente: Biblioteca di archeologia e storia dell'arte, Roma

Il lavoro è stato curato da Giacomo Consoli.

Montalenti Giuseppe, genetista

2001

Giuseppe Montalenti (1904-1990) è stato il primo professore di genetica in Italia, membro di numerose accademie e associazioni scientifiche italiane e internazionali.
Il nostro intervento ha riguardato la schedatura e stesura di un primo strumento di consultazione delle carte lasciate dallo scienziato al Dipartimento di genetica e biologia molecolare dell’Università degli studi di Roma La Sapienza. Dopo varie vicissitudini l’archivio è stato assegnato alla Biblioteca del Dipartimento di medicina sperimentale, Sezione di storia della medicina, dove è consultabile. Si conserva anche documentazione della International Union of Biological Sciences (IUBS) per il periodo in cui Montalenti ne fu segretario generale (1953-1958) e poi presidente (1958-1961). La consistenza è di 158 buste (141 di archivio personale e 17 per l’archivio IUBS). La documentazione è datata 1904-1994.
Un resoconto di questa descrizione sommaria è in N. Valente, L’archivio di Giuseppe Montalenti, in «Medicina nei secoli. Arte e scienza», 18/1 (2006), pp. 127-134.

Committente: Università degli studi di Roma La Sapienza. Dipartimento di Biologia molecolare

Il lavoro è stato curato da Nicoletta Valente.

Monte di pietà di Roma

1995-1996, 2002

Subito dopo la fusione tra la Cassa di Risparmio di Roma e il Banco di Roma che portò alla creazione della Banca di Roma (1992), abbiamo svolto il primo intervento di schedatura sull’archivio del Monte (1452-1937), incorporato dalla Cassa dopo l’abolizione dei Monti di pietà.
In seguito il nostro intervento ha riguardato il trattamento dell’inventario (in formato word) per la migrazione dei dati nel sistema GEA; dopo la migrazione è stata necessaria un’attività di correzione e normalizzazione della base dati.

Committente: Banca di Roma

Il lavoro di schedatura è stato svolto da Riccardo Bassani e Claudia Lazzerini. Il trattamento per la migrazione è stato realizzato da Leonardo Musci; l'attività di correzione e normalizzazione della base dati GEA è stata svolta da Giovanna Mattino.

Museo storico della didattica Mauro Laeng

2006

Abbiamo svolto, in partnership con Codess Cultura, la catalogazione di circa 1000 oggetti di ambito scolastico e didattico. I record sono stati immessi tramite software Aleph nel catalogo del Sistema bibliotecario d’Ateneo nella cui basedati sono interrogabili.

Committente: Università degli studi Roma Tre. Dipartimento di Scienze della formazione. Museo storico della didattica Mauro Laeng

Il lavoro è stato curato da Maria Antonietta Romano.

Museo storico della didattica Mauro Laeng. Biblioteca

2005-2006

Abbiamo svolto, in partnership con Codess Cultura, la catalogazione di circa 7000 unità bibliografiche tra monografie e periodici. I record sono stati immessi tramite software Aleph nel catalogo del Sistema bibliotecario d’Ateneo nella cui basedati sono interrogabili.

Committente: Università degli studi Roma Tre. Dipartimento di Scienze della formazione. Museo storico della didattica Mauro Laeng

Il lavoro è stato curato da Maria Antonietta Romano.

Nallino Carlo Alfonso, filologo orientalista

2017

L’Istituto per l’Oriente Carlo Alfonso Nallino ci ha incaricato di completare l’inventariazione del fondo intitolato allo studioso (con una piccola appendice di carte della figlia Maria) recuperando un primo lavoro parziale esistente e di allestire un ambiente software Archiui con l’obiettivo di esporne i risultati sul web.

Committente: Istituto per l'Oriente Carlo Alfonso Nallino - IPOCAN

Il lavoro è svolto da Raffaella Crociani e Cristina Saggioro (coordinatrice) con la collaborazione di Donatella De Preta (tirocinio formativo).

Opera della Scuola magistrale ortofrenica Giuseppe Ferruccio Montesano

1991, 2012

Sull’archivio storico dell’Opera Montesano abbiamo lavorato in più riprese. Il primo ordinamento e inventariazione ha riguardato le carte fino al 1990 (il lavoro è descritto in L. Musci, L’archivio dell’Ente, in «Thais», 3/93). Nel 2012 l’archivio è stato donato dall’Opera alla ASL Roma E (poi Roma 1) che lo gestisce tramite il Polo museale Museo Laboratorio della Mente. Ne abbiamo curato il trasferimento presso i locali in cui è conservato l’archivio dell’ex Ospedale psichiatrico Santa Maria della Pietà di Roma dove Montesano fu primario dal 1898 al 1923. Subito dopo, con uno stanziamento della ASL Roma E, abbiamo curato l’integrazione dell’inventario con la documentazione successiva al 1990, revisionando lo strumento esistente ed elaborando una proposta di scarto.

Committente: Opera della Scuola magistrale ortofrenica Giuseppe Ferruccio Montesano

Il primo inventario (1990) è stato realizzato da Emanuela Mazzina, Leonardo Musci e Piero Santoni. L'integrazione (2015) è stata realizzata da Nicola Pastina, affiancato da Leonardo Musci.

Opera della Scuola magistrale ortofrenica Giuseppe Ferruccio Montesano

2014-2015

Sull’archivio storico dell’Opera Montesano abbiamo lavorato in più riprese. Il primo ordinamento e inventariazione ha riguardato le carte fino al 1990 (il lavoro è descritto in L. Musci, L’archivio dell’Ente, in «Thais», 3/93). Nel 2012 l’archivio è stato donato dall’Opera alla ASL Roma E (poi Roma 1) che lo gestisce tramite il Polo museale Museo Laboratorio della Mente. Ne abbiamo curato il trasferimento presso i locali in cui è conservato l’archivio dell’ex Ospedale psichiatrico Santa Maria della Pietà di Roma dove Montesano fu primario dal 1898 al 1923. Subito dopo, con uno stanziamento della ASL Roma E, abbiamo curato l’integrazione dell’inventario con la documentazione successiva al 1990, revisionando lo strumento esistente ed elaborando una proposta di scarto.

Committente: Azienda sanitaria locale ASL Roma 1 (ex Roma E)

Il primo inventario (1990) è stato realizzato da Emanuela Mazzina, Leonardo Musci e Piero Santoni. L'integrazione (2015) è stata realizzata da Nicola Pastina, affiancato da Leonardo Musci.

Operazione militare Spagna (OMS)

2009-2010

Il fondo Operazione militare Spagna (OMS) comprende una ricca documentazione (che include foto, planimetrie e carte geografiche) sulle operazioni di guerra aerea svolte dall’Aeronautica italiana in Spagna tra il 1936 e il 1939. Per la schedatura abbiamo utilizzato il software GEA 4.0. L’inventario, del quale abbiamo curato grafica e impaginazione, è consultabile sul sito dell’Ufficio storico dell’Aeronautica militare.

Committente: Aeronautica militare. Ufficio storico dello Stato maggiore dell'Aeronautica

Il lavoro è stato svolto da Susanna Oreffice (direzione) e Ornella Stellavato.

Ospedale di Santo Spirito in Sassia di Roma

1999-2001

Un primo intervento ha interessato l’archivio di deposito e storico dell’Ospedale di Santo Spirito in Sassia. Scopo del lavoro era individuare serie e tipologie documentarie prevalenti al fine di effettuare un eventuale scarto e predisporre le restanti per il trasloco. È stato redatto un elenco di consistenza con indicazioni dell’ambito di competenza cui afferisce la documentazione, della collocazione fisica e dei tempi di conservazione.

Committente: Soprintendenza archivistica del Lazio

Hanno operato Anita De Sossi, Sergio Mazzanti (movimentazione fisica della documentazione), Susanna Oreffice e Nicola Pastina (coordinatore).

Ospedale di Santo Spirito in Sassia di Roma

2007-2008

Un secondo intervento di ricognizione su un’ingente quantità di carte prodotte da diverse strutture dell’Ospedale di Santo Spirito in Sassia dagli anni ’70 al 2000 è stato svolto per individuare la provenienza dei diversi gruppi documentari, individuare e descrivere le serie, selezionare le carte passibili di scarto, predisporre elenchi che dessero conto sia della struttura dell’archivio sia della sua articolata collocazione.

Committente: Azienda sanitaria locale ASL Roma 1 (ex Roma E)

Hanno curato il lavoro Marzia Azzolini e Ilaria Romeo con il coordinamento di Nicola Pastina.

Ospedale di Santo Spirito in Sassia di Roma

2002

Nell’ambito del processo di informatizzazione del protocollo e della gestione archivistica avviato da tutti gli enti pubblici, la ASL Roma E ci ha affidato un incarico di docenza per un corso di formazione rivolto agli operatori di protocollo dell’Ospedale di Santo Spirito in Sassia.

Committente: Azienda sanitaria locale ASL Roma 1 (ex Roma E)

Il corso è stato tenuto da Susanna Oreffice.

Ospedale di Santo Spirito in Sassia di Roma

2008

Abbiamo curato la revisione del quadro di classificazione, la redazione e l’adozione di procedure e regolamenti per la formazione dei fascicoli e la gestione dell’archivio corrente dell’Ospedale di Santo Spirito in Sassia.

Committente: Azienda sanitaria locale ASL Roma 1 (ex Roma E)

Il lavoro sull'archivio corrente è stato svolto da Susanna Oreffice.

Ospedale psichiatrico di Rieti

2010

Abbiamo visitato l’archivio dell’Ospedale per elaborare la scheda di censimento da pubblicare sul sito del progetto Carte da legare e su SIUSA.

Committente: Soprintendenza archivistica del Lazio

La rilevazione è stata svolta da Nicola Pastina.

Ospedale psichiatrico Santa Maria della Pietà di Roma

2000-2007, 2016-2017

Nell’ambito del progetto Carte da legare, promosso dalla Direzione generale per gli archivi e volto al recupero e alla valorizzazione del patrimonio documentario dei dismessi ospedali psichiatrici italiani, il Santa Maria della Pietà di Roma ha svolto un ruolo di progetto pilota grazie al nostro impegno sia sul versante della progettazione dell’applicativo ArcanaMente sia su quello della schedature delle cartelle cliniche. Grazie a finanziamenti della Soprintendenza archivistica del Lazio e della ASL Roma 1 (ex Roma E) sono stati finora censiti circa 17.100 ricoverati per il periodo 1851- aprile 1913 (per circa 22.000 ricoveri). La bancadati è interrogabile alla pagine Cartelle cliniche del sito del progetto.

Committente: Soprintendenza archivistica e bibliografica del Lazio - ASL Roma 1

La schedatura con le prime versioni di ArcanaMente è opera di Marzia Azzolini, Laura Cicconi, Flavia Nardi, Beatrice Ortu, Lucia Pollio e Roberta Rampa, coordinate da Leonardo Musci. Dopo la reingegnerizzazione dell'applicativo dal 2016 è impegnata sulla schedatura Stella Zambonini.

Ospedale psichiatrico Santa Maria della Pietà di Roma

2001-2002, 2010-2011

Il grande archivio dell’ex Ospedale psichiatrico è gestito dal Polo museale – Museo Laboratorio della Mente della ASL Roma 1 (ex Roma E).
Il nostro primo lavoro ha riguardato il riordinamento delle carte prodotte tra fine ‘800 e il 1978, a completamento e integrazione del lavoro svolto da Annalia Bonella sui documenti più antichi e già pubblicato nel 1994. Il nuovo inventario integrale è stato pubblicato: L’Ospedale psichiatrico Santa Maria della Pietà di Roma. Vol. I: L’archivio storico, secc. XVI-XX, a cura di A. Bonella, N. Pastina, R. Sibbio, Bari, Dedalo editrice, 2003.
Un secondo intervento ha riguardato le carte della gestione dell’Ospedale dopo la legge 180 e l’avvio della dismissione della struttura.
Gli inventari si possono consultare sulla pagina degli archivi storici del Polo museale.

Committente: Soprintendenza archivistica del Lazio

Il riordinamento e l'inventariazione 2000-2001 sono stati opera di Nicola Pastina e della nostra rimpianta amica e collega Roberta Sibbio. L'intervento 2010-2011 sulle carte post 1978 è opera di Marzia Azzolini e Nicola Pastina con la collaborazione di Vera Fusco.

Osservatorio astronomico di Roma

2017

Siamo intervenuti a completamento di un lavoro di inventariazione già eseguito da Monica Grossi e Silvia Trani sull’archivio dell’Osservatorio astronomico di Roma per ordinare fisicamente le unità archivistiche, assegnare ad esse una segnatura univoca e registrare il dato sulla collocazione dei pezzi. Il lavoro viene ora completato riportando l’inventario sul sistema SICAPweb per la pubblicazione in Polvere di stelle, portale dei beni culturali dell’astronomia italiana.

Committente: Istituto nazionale di astrofisica - INAF. Osservatorio astronomico di Roma

Il lavoro di condizionamento e segnatura è stato svolto da Susanna Oreffice. Il riversamento dei dati è opera di Simona Luciani con il coordinamento di Nicoletta Valente.

Parravano Nicola, chimico

2006

Nicola Parravano (1883-1938) è stato tra i primi a intuire l’importanza della sinergia tra scienza e industria. Ha presieduto o è stato membro di moltissime commissioni e consigli ministeriali, ha avuto grandi doti organizzative che lo portarono, tra l’altro, a organizzare il X Congresso internazionale di chimica a Fiuggi nel 1938.  Fu un grande successo per la comunità scientifica italiana, ma anche per il regime fascista che lo aveva finanziato.
Il fondo (489 fascicoli in 61 scatole, 1904-1960) è costituito prevalentemente da lettere, relazione, estratti, foto di impianti industriali. Il lavoro (2006) ha riguardato la redazione di un inventario sommario che è pubblicato sul sito del progetto Lazio’900, cui l’Accademia aderisce.
Per maggiori informazioni si rimanda a F. Calascibetta e N. Valente, L’archivio di Nicola Parravano: un’analisi preliminare, in «Rendiconti dell’Accademia Nazionale delle Scienze detta dei XL. Memorie di Scienze Fisiche e Naturali», serie V, vol. XXXIII, parte II, 2009.

Committente: Accademia nazionale delle scienze detta dei XL

Il lavoro è stato svolto da Alex Nicora e Fabiana Raffaele con la supervisione di Nicoletta Valente.

Paternò di Sessa Emanuele, chimico

1995, 1997, 2005

Il chimico siciliano Emanuele Paternò di Sessa (1847-1935) fu allievo di Cannizzaro, amico di Crispi e deputato al Parlamento; si è occupato, fra l’altro, dell’uso della chimica per scopi bellici. Il lavoro sull’archivio (26 scatole, 1829-1935) è consistito nella stesura di un elenco analitico e nella schedatura della corrispondenza (circa 8.000 lettere) con il programma DBIIIplus, secondo il tracciato impostato dal Gruppo di Storia della Fisica dell’Università di Roma La Sapienza per gli archivi di scienziati. Si è proceduto a un primo riordinamento del fondo il cui risultato è pubblicato sul sito del progetto Lazio’900, cui l’Accademia aderisce.
Nel settembre 2005 su incarico dell’Accademia abbiamo collaborato all’allestimento della mostra Emanuele Paternò presidente scienziato, tenuta presso il Palazzo Sant’Elia di Palermo nell’ambito delle iniziative promosse dalla Provincia di Palermo nel settantesimo della morte.
Si veda il contributo di G. Paoloni e N. Valente in Emanuele Paternò di Sessa. Il presidente scienziato, a cura della Provincia Regionale di Palermo, 2005, pp. 93-98.

Committente: Accademia nazionale delle scienze detta dei XL

Il lavoro (1995-1997) è stato curato da Emanuela Mazzina e Nicoletta Valente. L'allestimento della mostra e il riordinamento finale (2005) sono stati curati da Nicoletta Valente.

Patrimonio archivistico del Dipartimento di Fisica dell’Università di Roma La Sapienza

2017

Abbiamo curato la migrazione della basedati GEA nell’ambiente Archiui, e la realizzazione del nuovo sito web per l’accesso agli inventari. Il lavoro è stato eseguito in collaborazione con Promemoria.

Committente: Università degli studi di Roma La Sapienza. Dipartimento di Fisica

Il lavoro è stato curato da Nicoletta Valente con la collaborazione di Cristina Saggioro e Leonardo Musci.

Patrimonio archivistico della Fondazione Di Vagno

2016-2017

La Fondazione Giuseppe Di Vagno, con sede a Conversano (Bari), è destinataria delle risorse derivanti dalla legge 16 giugno 2015, n. 86 che istituisce il Premio di ricerca intitolato a Di Vagno e stanzia un contributo straordinario da destinarsi al potenziamento dell’archivio storico e della biblioteca.
La Fondazione ci ha dato un incarico globale: revisionare tutti gli strumenti archivistici esistenti, verificare il lavoro in corso sui fondi in corso di ordinamento, migrare su un nuovo ambiente informatico (Archiui) la basedati GEA, realizzare il nuovo sito web dell’Archivio storico, gestire la campagna di digitalizzazione documentaria e l’attività di ricondizionamento dell’intero archivio. Il risultato del lavoro è consultabile su www.fondazionedivagno.archiui.it.

Committente: Fondazione Giuseppe Di Vagno (1889-1921)

Responsabile dell'attività è stato Leonardo Musci.

Patrimonio inventariale del Museo storico della didattica Mauro Laeng

2017

Cura della migrazione della base dati GEA sulla piattaforma Archiui, scelta per l’informatizzazione degli archivi del Museo storico della didattica.

Committente: Università degli studi Roma Tre. Dipartimento di Scienze della formazione. Museo storico della didattica Mauro Laeng

Il lavoro è svolto da Cristina Saggioro e Nicoletta Valente.

Patrimonio inventariale dell’Archivio centrale dello Stato

2012-2013

In vista della pubblicazione sul sito dell’Archivio centrale dello Stato degli inventari prodotti nel corso del tempo e riversati su un unico ambiente digitale (XDams) siamo stati incaricati di analizzare lo stato dell’arte delle descrizioni informatizzate presenti in ACS, sia in formato data base (GEA, Access, File Maker) sia in formato testo e fogli di lavoro Excel. L’analisi mirava ad evidenziare le criticità delle singole situazioni e a programmare gli interventi necessari per portare gli strumenti a livello di pubblicabilità. Al contempo abbiamo proceduto a un riversamento di file in formato testo nel software GEA (già in uso presso ACS) sfruttando un tool approntato dal gruppo di lavoro del progetto Archivi del Novecento.

Committente: Archivio centrale dello Stato

Il lavoro di revisione è stato svolto Leonardo Musci. La migrazione da file di testo a GEA è stata realizzata da Leonardo Musci ed Erika Vettone.

Patrimonio inventariale dell’Archivio di Stato di Latina

2017

L’incarico riguarda la realizzazione del sistema informativo archivistico dell’Archivio di Stato di Latina. Sarà impiantata una stazione di lavoro Archiui, formato il personale all’uso dell’applicativo, intrapreso l’avvio della migrazione dei dati inventariali posseduti dall’Archivio.

Committente: Archivio di Stato di Latina

L'attività è seguita da Leonardo Musci e Cristina Saggioro.

Patrimonio inventariale dell’Archivio storico Olivetti

2014

Per l’Associazione abbiamo svolto un impegnativo intervento di normalizzazione delle liste di autorità delle circa 200.000 entità in vista del riversamento dei dati sulla piattaforma CollectiveAccess e l’uscita del nuovo sistema informativo degli Archivi Olivetti.

Committente: Associazione Archivio storico Olivetti

Il lavoro è stato svolto da Leonardo Musci e da Raffaella Di Lucente per la parte informatica.

Patrimonio inventariale dell’Istituto veneto di scienze lettere ed arti

2017

L’Istituto, già associato al progetto Archivi del Novecento, ha deciso di adottare la piattaforma Archiui, da noi promossa, e ci ha incaricato di gestire la migrazione dati e la normalizzazione della lista di autorità delle entità, di fare formazione sul nuovo applicativo e affiancare gli operatori per il periodo di avvio della nuova fase di lavoro.

Committente: Istituto veneto di scienze lettere ed arti - IVSLA

L'attività è affidata a Cristina Saggioro e Leonardo Musci.

Patrimonio inventariale della Fondazione Museo della Shoah

2017

L’incarico riguarda la migrazione di un database GEA5 su un sistema Archiui.

Committente: Fondazione Museo della Shoah

L'attività è svolta da Leonardo Musci in collaborazione con Promemoria srl.

Persico Enrico, fisico

1998-1999, 2002-2003

L’archivio di Enrico Persico (73 scatole, 1900-1969) è composto dalle carte provenienti dallo studio, abitazione e Università di Roma, dove Persico (1900-1969) è stato professore di Fisica; è stato versato nel 1981 al Gruppo di storia della fisica.
Il riordinamento e l’inventariazione (1998-1999) sono stati la premessa per l’elaborazione nel 2002 di un thesaurus tematico per l’accesso semantico. Sono state inoltre schedate circa 6.000 lettere in DBIIIplus e redatto un elenco calendariale della corrispondenza. Tutti i dati sono stati poi migrati nel 2003 nel software GEA e pubblicati sul sito di Archivi del Novecento, dove sono rimasti consultabili fino al 2016. Dopo la migrazione nell’applicativo Archiui, l’inventario è consultabile sul sito del Dipartimento di Fisica.

Committente: Università degli studi di Roma La Sapienza. Dipartimento di Fisica

L'inventario è stato curato da Emanuela Mazzina. Il thesaurus è stato elaborato da Lucia Orlando. La corrispondenza è stata schedata da Federica Favino ed Emanuela Mazzina. L'elenco calendariale della corrispondenza è a cura di Nicoletta Valente.

Pio istituto di Santo Spirito e Ospedali riuniti di Roma

2007-2008

Abbiamo effettuato un intervento di individuazione e ordinamento sommario delle serie documentarie prodotte dal Pio istituto di S. Spirito e ospedali riuniti di Roma, l’ente cui dal 1870 al 1980 è stata affidata l’amministrazione della sanità nella capitale.

Committente: Soprintendenza archivistica del Lazio

Il lavoro è stato curato da Nicola Pastina e Susanna Oreffice.

Policlinico di Roma Umberto I

2011

Il lavoro ha riguardato inizialmente la ricognizione e la movimentazione della documentazione del Reparto contabilità, il suo riordinamento e ricondizionamento – con individuazione e descrizione delle serie – nonché la selezione della documentazione da proporre per lo scarto.

Committente: Policlinico di Roma Umberto I

Il lavoro di ricognizione e scarto è stato svolto da Ornella Stellavato e Susanna Oreffice, che ne ha curato il coordinamento e la progettazione.

Policlinico di Roma Umberto I

2011

Abbiamo eseguito un intervento di verifica documentale e contabile delle fatture conservate a partire dal 1999, svolto raffrontando i singoli documenti con le tabelle riepilogative fornite dagli uffici competenti della UOC e riordinando i documenti cronologicamente, in base ai diversi processi di pagamento (contabilità ordinaria, giroconti, accordi regionali, ecc.) nel caso di fatture saldate, e infine in ordine alfabetico in base alla denominazione degli intestatari del documento contabile.

Committente: Policlinico di Roma Umberto I

L'intervento sulle fatture è stato svolto da Diana Oreffice e Stefania Pluchino. La progettazione e il coordinamento sono stati di Susanna Oreffice.

Polo museale del Lazio

2017

Il Polo museale del Lazio è l’ufficio periferico della Direzione generale Musei che sul territorio regionale definisce strategie e obiettivi comuni di valorizzazione delle 42 realtà museali di sua competenza.
Siamo stati incaricati di procedere al riordinamento e alla razionalizzazione dell’archivio corrente del Polo.

Committente: Polo museale del Lazio

Il lavoro, coordinato da Susanna Oreffice, è stato svolto da Nicola Pastina e Valeria Uccelli.

Progetto biografie scienziati

2005

Durante la schedatura della corrispondenza Cannizzaro si è fatta strada l’idea di avere a disposizione un “archivio delle firme” come strumento per l’identificazione dei mittenti non espliciti. Il progetto si è ampliato per comprendere compilazione di schede biografiche di scienziati, associazione alla sua scheda di ritratto, foto, firme, documenti audio. Si è realizzato un primo lotto di 40 schede.

Committente: Accademia nazionale delle scienze detta dei XL

Arianna Terzi ha curato le ricerche biografiche e l'associazione delle immagini alla scheda GEA.

Progetto Imago

1998-1999

In collaborazione con la cooperativa Bes (titolare dell’appalto), abbiamo preso parte al lavoro di digitalizzazione di parte del materiale cartografico conservato dall’Archivio di Stato di Roma. In particolare ci si è dedicati all’acquisizione digitale delle mappe dei catasti Alessandrino, Gregoriano (con relativi Brogliardi), dell’Ufficio tecnico erariale; l’intervento ha interessato inoltre i Preziosi e le Pergamene Romane. Sono stati utilizzati scanner per formati speciali e macchine fotografiche con dorso digitale.

Committente: Cooperativa Bes

Il lavoro è stato eseguito da Massimiliano Casagrande, Barbara Corvisieri, Barbara Di Meola, Nicola Pastina, Laura Primangeli, Alessio Rinaldini e Nicoletta Valente.

Provincia di Frosinone

1990-1992, 2017

Il primo intervento ha riguardato l’intero complesso delle carte prodotte dall’Amministrazione provinciale dalla sua nascita nel gennaio 1927 al 1991. Si conservano anche carte ottocentesche trasferite per competenza da altre amministrazioni provinciali. E’ stata istituita la sezione separata d’archivio con carte fino al 1951 (anno del ritorno all’elettività popolare del Consiglio provinciale dopo il regime fascista e i primi anni repubblicani); riordinato e sottoposto alle procedure di conservazione/scarto l’archivio di deposito; riordinati e inventariati alcuni fondi aggregati; revisionato l’impianto dell’archivio corrente. La consistenza documentaria ammontava nel 1992 a circa 600 metri lineari.
Siamo stati di recente incaricati di organizzare la sezione separata d’archivio portandola al 1987. Il lavoro (che inizierà nell’autunno 2017) prevede una ricognizione generale delle carte prodotte da tutte le strutture dell’Amministrazione e non comprese nel precedente intervento.

Committente: Provincia di Frosinone

Il riordinamento e l'inventariazione sono opera di Marco Grispigni, Emanuela Mazzina, Marco Melini, Leonardo Musci e Piero Santoni. Alla schedatura hanno partecipato in alcune fasi anche Cinzia Capalbo, Stefano Caviglia, Elena Cirilli e Marco De Nicolò.

Provincia di Latina

2004-2005

Il lavoro ha interessato l’archivio di deposito dell’Amministrazione provinciale, in occasione del trasferimento della documentazione all’Archivio di Stato di Latina. Le carte sono state analizzate, riordinate, ricollocate, descritte. Infine è stato elaborato un elenco di scarto.

Committente: Archivio di Stato di Latina

Il lavoro è stato coordinato da Susanna Oreffice; hanno partecipato Antonella Finotti e Fabio Verardi.

Provincia di Roma

2005

Ai fini dell’adozione degli strumenti di formazione e gestione archivistica e del piano di classificazione e l’applicazione delle regole elaborate, sono state svolte attività di affiancamento alle strutture per la protocollazione e l’archiviazione, revisione e rielaborazione del piano di classificazione e conservazione e del manuale di gestione.
Sono stati svolti dei corsi di formazione archivistica sui temi legati alla corretta protocollazione e alla formazione e gestione documentale, strutturati in moduli rivolti distintamente agli operatori di protocollo e ai responsabili di archivio.

Committente: Capitale Lavoro spa

Le attività connesse all’impianto dell’archivio corrente e i corsi di formazione sono stati svolti da Susanna Oreffice.

Provincia di Roma. Archivio corrente

2010-2012

Ai fini dell’adozione degli strumenti di formazione e gestione archivistica e del piano di classificazione e l’applicazione delle regole elaborate, sono state svolte attività di affiancamento alle strutture per la protocollazione e l’archiviazione, revisione e rielaborazione del piano di classificazione e conservazione e del manuale di gestione.
Sono stati svolti corsi di formazione archivistica sui temi legati alla corretta protocollazione e alla formazione e gestione documentale, strutturati in moduli rivolti distintamente agli operatori di protocollo e ai responsabili di archivio.

Committente: Provincia di Roma

Le attività sono state svolte da Susanna Oreffice.

Provincia di Roma. Archivio di deposito

2000-2001, 2003, 2011-2013

Interventi a più riprese hanno riguardato l’archivio di deposito della Provincia di Roma conservato prima nei sotterranei del Palazzo Valentini e presso altre sedi, poi presso i magazzini di Santa Palomba. Sulla documentazione (circa 6.000 metri lineari) sono stati svolti ricognizioni, elaborazione di elenchi di consistenza e di proposte di scarto, ordinamenti e ricondizionamenti parziali di serie dell’Archivio generale, dell’Archivio del personale, dell’Archivio alienati, dell’archivio del settore Edilizia scolastica.

Committente: Provincia di Roma

Gli interventi sono stati effettuati da Susanna Oreffice e Nicola Pastina (coordinatori) con la collaborazione di Lina Marzotti, Laura Natoli, Alex Nicora, Augusto Santocchi e Costanza Stefanori.

Provincia di Roma. Archivio storico

2004-2007, 2013-2014

La dispersione della parte più antica dell’archivio (1870-1927) ci ha indotto a proporre una schedatura analitica dei verbali degli organi amministrativi (Consiglio e Deputazione provinciale), unica fonte documentaria per la ricostruzione dell’operato della Provincia di Roma in quegli anni. Abbiamo concepito tale schedatura come parte di un sistema informativo comprendente anche le biografie di tutti gli eletti, i risultati elettorali di tutte le tornate e la composizione dinamica degli organi elettivi e di amministrazione. Per la gestione di tale sistema abbiamo progettato una versione ad hoc del software GEA. Il lavoro di schedatura e immissione dei dati, svolto dal 2003 al 2005, ha prodotto circa 25.000 schede per i verbali relativi al periodo 1870-1886. Questo lavoro non è più disponibile in rete.
Tra dicembre 2013 e febbraio 2014 la schedatura è stata ripresa per documentare l’attività della Provincia durante la prima guerra mondiale. Il lavoro, che ha avuto per oggetto le 11 549 delibere emanate dal 1914 al 1918, ha ricalcato il tracciato descrittivo utilizzato nella precedente esperienza ma è stata effettuata con software Access.

Committente: Provincia di Roma

La progettazione dell'applicativo per la schedatura dei verbali si deve a Leonardo Musci e Susanna Oreffice. Alla schedatura hanno partecipato nel corso del tempo Nicola Pastina (coordinatore), Laura Cicconi, Raffaella Crociani, Emanuela Fiorletta, Annalisa Laura Lucchi, Daniela Martino, Flavia Nardi, Ilaria Romeo. Arianna Terzi si è occupata della ricerca per il reperimento dei dati elettorali.
Il lavoro 2013-2014 è stato svolto da Vera Fusco e Nicola Pastina.

Provincia di Roma. Archivio storico

1998-1999, 2003-2004

L’archivio storico della Provincia di Roma è stato oggetto di diversi interventi.
Il primo ha riguardato la serie dei fascicoli generali archiviati tra il 1927 e il 1952, gli unici superstiti dell’archivio storico della Provincia. L’inventario analitico è stato pubblicato nel 2004: Provincia di Roma. Assessorato alle politiche culturali, L’Archivio storico della Provincia di Roma. La serie Atti e corrispondenza 1927-1952, a cura di L. Musci, S. Oreffice, N. Pastina, Roma, Bonsignori editore, 2004 (Palazzo Valentini. Collana di studi e materiali).

Committente: Provincia di Roma

La schedatura della serie Atti e corrispondenza è stata effettuata da Emanuela Mazzina (coordinatrice), Mara De Meo, Arianna Franceschini, Susanna Oreffice e Nicola Pastina.

Raccolta documentaria di Renato Merlino

2015

L’attore e poeta romano Renato Merlino ha conservato una ricca documentazione sulla sua carriera teatrale, trascorsa in gran parte nella Compagnia stabile di Checco Durante sul palcoscenico del Teatro Rossini di Roma. E al “sor Checco” e al Rossini, alla tradizione del teatro dialettale a Roma, ai suoi fasti e al suo tramonto abbiamo dedicato la mostra È tutta ‘na commedia! Una mostra sul teatro dialettale romanesco con un’appendice sul giudaico-romanesco, realizzata grazie a risorse messe a disposizione dal Comune di Roma e dalla Soprintendenza archivistica per il Lazio. La mostra è stata allestita alla Casa dei Teatri di Villa Doria Pamphilj a Roma dal 9 aprile al 14 giugno 2015 (ecco i pannelli). Ma prima abbiamo schedato e inventariato tutto il materiale raccolto da Renato!

Committente: Comune di Roma. Dipartimento Politiche culturali e della comunicazione - Soprintendenza archivistica per il Lazio

Ideazione e realizzazione di Nicoletta Valente. Appendice sul giudaico-romanesco a cura di Simona Foà. Progetto grafico di Diana Oreffice.

Raccolta documentaria su Guglielmo Marconi

2003

La raccolta su Guglielmo Marconi è opera del presidente dell’Accademia dei XL, Giovanni Battista Marini Bettolo, che ha voluto rendere omaggio alla memoria dello scienziato, molto vicino alla sua famiglia. Oltre a carte personali, alcuni documenti sono relativi alle numerose celebrazioni marconiane (cinquantenario della morte, centenario della nascita, centenario dell’invenzione della radio) e all’attività della Fondazione Marconi.
Abbiamo realizzato l’inventario del fondo (2 buste, 1901-2000) che è pubblicato sul sito del progetto Lazio’900, cui l’Accademia aderisce.

Committente: Accademia nazionale delle scienze detta dei XL

L'inventario è a cura di Giovanna Mattino e Nicoletta Valente.

Raccolta fotografica sull’attività di Bettino Craxi

2009

Il fondo conserva fotografie provenienti in parte dalle abitazioni della famiglia Craxi a Milano, Roma e Hammamet, in parte da sedi del Psi, in parte da amici e simpatizzanti. La maggior parte è stata donata direttamente a Craxi dagli autori degli scatti, da istituzioni o enti che avevano provveduto a fotografare l’evento cui Craxi partecipava, o da agenzie di stampa nazionali.
Il lavoro più complesso è consistito nel riconoscimento delle fotografie dello stesso evento, nella datazione delle fotografie e degli eventi, nell’identificazione delle persone fotografate. È stata effettuata una schedatura analitica con il sw GEA 4.0 e le schede descrittive sono state collegate alle immagini digitalizzate.
L’inventario, la cui struttura ripropone le partizioni dell’archivio cartaceo, è consultabile sul sito del progetto Lazio’900.

Committente: Fondazione Bettino Craxi

Il lavoro è stato svolto da Emanuela Fiorletta, Lucia Petese e Noemi Procaccia, con il coordinamento di Leonardo Musci.

Raccolta sull’affaire Dreyfus di Raniero Paulucci di Calboli

1994

I materiali raccolti dal marchese Raniero Paulucci di Calboli (1861-1931) sull’affaire Dreyfus durante la sua permanenza a Parigi come segretario di legazione (1895-1906) e conservati dagli eredi sono stati da questi domati al Comune di Forlì. Convinto sostenitore dell’innocenza di Dreyfus, grazie alla sua posizione di diplomatico, decise di essere testimone di una vicenda politica che divise la Francia in due opposti schieramenti, raccogliendo una cospicua e originale mole di documentazione (manifesti, fotografie, riviste).
Il nostro intervento ha riguardato la schedatura e il riordinamento della documentazione e la catalogazione del fondo librario. Parallelamente è stata allestita una mostra documentaria: si veda Dreyfus. L’affaire e la Parigi fin de siècle nelle carte di un diplomatico italiano, catalogo della mostra (Roma, 5 dicembre 1994 – 15 gennaio 1995; Forlì, 25 febbraio – 26 marzo 1995), a cura di P. Milza, Roma, Edizioni Lavoro, 1994, contenente tra gli altri due saggi di Simona Foà e Marco Grispigni.
L’inventario è stato poi pubblicato: Il fondo Paulucci di Calboli sull’affaire Dreyfus, a cura di M. Grispigni, Bologna, Patron editore, 1997.

Committente: Comune di Forlì

La schedatura, il riordinamento e la cura redazionale sono opera di Marco Grispigni; il fondo librario è stato schedato da Stefania Glori.

Reparto Regina Elena del Policlinico Umberto I di Roma e Istituto neurologico provinciale di Roma

2010-2011

Nell’ambito di un intervento su alcuni fondi minori conservati dal Centro studi e ricerche della ASL Roma E abbiamo ordinato e inventariato le carte di queste istituzioni sanitarie (la seconda in continuità della prima) dedicate alla cura degli encefalitici e alla ricerca scientifica sulle terapie.
Gli inventari si possono consultare sulla pagina degli archivi storici del Polo museale.

Committente: Azienda sanitaria locale ASL Roma 1 (ex Roma E)

Il lavoro è stato curato da Vera Fusco con il coordinamento di Nicola Pastina e la collaborazione di Marzia Azzolini.

Righi Augusto, fisico

2005

Augusto Righi (1850-1920) è stato candidato per il premio Nobel per due volte (1911 e 1913). Molto importanti sono i suoi studi sulle scariche elettriche, sull’ottica delle oscillazioni elettriche, che hanno costituito la base per le scoperte di Marconi. Il fondo consta di 1334 documenti (lettere, biglietti, cartoline), 1888-1925. Adriana Pastore ha schedato analiticamente il fondo per la sua tesi di laurea (Inventario Fondo Righi, Tesi di diploma in Archivistica e Paleografia, Scuola speciale per archivisti e bibliotecari dell’Università di Roma “La Sapienza”, relatore prof. Giovanni Paoloni, anno accademico 1997-1998).
Abbiamo curato la migrazione della schedatura nel software GEA e la digitalizzazione dei documenti. Il lavoro è ora consultabile sul sito del progetto Lazio’900, cui l’Accademia aderisce.

Committente: Accademia nazionale delle scienze detta dei XL

La migrazione in Gea e l'associazione delle immagini alle schede sono state curate da Silvia Giugno.

Rotolo Nicola, politico

2014

Nicola Rotolo (1925) è stato dirigente pugliese della Democrazia cristiana dagli anni Sessanta, consigliere regionale dal 1970 e presidente della Giunta regionale dal 1975 al 1978.
Nell’ambito di una convenzione con la Fondazione Cassa di risparmio della Puglia, la Fondazione Giuseppe Di Vagno di Conversano ci ha incaricato di ordinare e inventariare il fondo archivistico, donato da Rotolo stesso. Al termine del lavoro abbiamo visitato Nicola Rotolo che ci ha concesso alcune ore di dialogo (qui un breve passaggio). L’inventario è consultabile qui.

Committente: Fondazione Giuseppe Di Vagno (1889-1921)

Il lavoro è stato curato da Cristina Saggioro affiancata da Leonardo Musci.

Salvetti Carlo, fisico

2010-2011

Carlo Salvetti (1918-2005) si è occupato prevalentemente di problemi di fisica nucleare delle basse energie, fisica dei reattori nucleari e problemi energetici.
Una parte del fondo testimonia l’intensa attività svolta nell’adempimento dei numerosi incarichi ricoperti; una seconda parte è costituita da un pezzo dell’archivio del CNEN, istituito nel 1960, che Salvetti, in qualità di vice presidente, ha conservato insieme alle sue carte. Il fondo (500 fascicoli conservati in 63 scatole e 7 buste, 1928-2004) conserva prevalentemente scritti, appunti, corrispondenza, relazioni, documenti personali, ritagli di stampa e alcune fotografie.
L’intervento ha prodotto un inventario consultabile per anni sul sito di Archivi del Novecento. Dopo la migrazione verso l’applicativo Archiui l’inventario è consultabile sul sito del Dipartimento di Fisica. Una descrizione del lavoro è pubblicata in «Il Mondo degli archivi», 1/2011.

Committente: Università degli studi di Roma La Sapienza. Dipartimento di Fisica

L'ordinamento e l'inventario sono stati curati da Nicoletta Valente in collaborazione con Milena Galasso (schedatura), Sveva Pacifico (indicizzazione) e Serafina Desiderio (condizionamento).

Salvini Giorgio, fisico

2017

Giorgio Salvini (1920-2015) è stato un fisico che ha operato a livelllo nazionale e internazionale. Professore di fisica generale alla Sapienza di Roma per 30 anni, presidente dell’INFN e ministro del MIUR nel Governo Dini (1994-1995).

Siamo stati incaricati di schedare, riordinare e inventariare il suo archivio (1919-2014) costituito da 153 unità di conservazione. La base dati sarà consultabile sul sito del Dipartimento di Fisica.

Committente: Università degli studi di Roma La Sapienza. Dipartimento di Fisica

Il lavoro è svolto da Margherita Agostini con il coordinamento di Nicoletta Valente.

Sartoria Litrico

2015-2016

La Sartoria Litrico fu creata a Roma agli inizio degli anni Cinquanta dal catanese Angelo Litrico. Conobbe la consacrazione internazionale nel 1957 grazie al segretario del PCUS Nikita Krusciov che ne fu involontario testimonial al tempo di un suo importante viaggio negli Stati Uniti. La Sartoria è attualmente condotta da Luca Litrico, nipote di Angelo.
Nell’ambito delle realizzazioni per il Portale degli archivi della moda del Novecento del Sistema archivistico nazionale (SAN), l’Istituto centrale per gli archivi ci ha incaricato di digitalizzare 44 album contenenti la raccolta della rassegna stampa sull’attività dell’azienda familiare e di schedare i primi 700 articoli della ricca rassegna stampa conservata.

Committente: Istituto centrale per gli archivi - ICAR

Il lavoro è stato gestito da Nicoletta Valente.

Scarascia Mugnozza Gian Tommaso, genetista agronomo

2013-2014

Gian Tommaso Scarascia Mugnozza (1925-2011) è stato professore di genetica agraria all’Università di Bari (1969-1979), poi all’Università della Tuscia (1980- 2000). Ha studiato, in particolare, la genetica per il miglioramento delle piante e la mutagenesi applicata ai vegetali. Si è occupato della salvaguardia e valorizzazione delle risorse genetiche vegetali e della biodiversità in generale nell’area mediterranea, in Africa e Sud America.
Tra i numerosi incarichi a livello nazionale e internazionale menzioniamo: presidente dell’Accademia nazionale delle scienze detta dei XL (1989-2011), presidente della Commissione scientifica per il monitoraggio della tenuta presidenziale di Castelporziano (1994-2011); vicepresidente del Comitato scientifico di Milano Expo 2015 (2007-2011).
Abbiamo realizzato l’ordinamento e l’inventariazione del suo archivio (circa 700 fascicoli, contenuti in 90 scatole, anni ’50-2011). L’inventario è pubblicato sul sito del progetto Lazio’900, cui l’Accademia aderisce.

Committente: Accademia nazionale delle scienze detta dei XL

Il lavoro è stato curato da Nicola Pastina e Nicoletta Valente.

Scelsi Giacinto, compositore

2015

Giacinto Scelsi (1905-1988), compositore, ha lasciato un ricco archivio di documenti cartacei, sonori e iconografici, conservato dalla Fondazione Isabella Scelsi nella bella sede di via di San Teodoro a Roma, che ospita anche un museo e una biblioteca. Il lavoro di ordinamento e descrizione è stato eseguito con l’ausilio di un applicativo sviluppato internamente.
La Fondazione ha deciso di migrare la basedati sulla piattaforma open source CollectiveAccess, ritenuta idonea alle esigenze di descrizione e pubblicazione di un patrimonio così complesso. Titolare dell’incarico è Promemoria, società di Torino alla quale si deve l’introduzione in Italia del software. Memoria è partner di Promemoria e la affianca nella cura della personalizzazione del profilo descrittivo per le diverse risorse e nelle attività di formazione.

Il lavoro è svolto da Andrea Calzolari (Promemoria) e Cristina Saggioro (Memoria).

Semerano Giovanni, chimico

2003, 2005

Giovanni Semerano (1907-2003) è stato professore di chimica a Padova. La sua ricerca sulla polarografia si è arricchita grazie alla collaborazione con il premio Nobel Jaroslav Heyrovský (1956) presso l’Università di Praga. Semerano ha portato contributi notevoli nel campo della statica chimica, dei gas reali, dei radicali liberi e di altre specie molecolari labili.
Il fondo consta di 319 fascicoli, 1920-2003. Subito dopo la sua morte è stata schedata la corrispondenza intercorsa tra Miolati e Semerano tra 1930 e 1950. Abbiamo completato la schedatura e steso un inventario sommario del fondo che è pubblicato sul sito del progetto Lazio’900, cui l’Accademia aderisce.

Committente: Accademia nazionale delle scienze detta dei XL

La corrispondenza è stata schedata da Nicoletta Valente; l'inventario sommario è opera di Azzurra Aiello, Alex Nicora e Patrizia Ventura.

Senato della Repubblica – Archivio storico

2015-2016

Il Servizio dell’Informatica del Senato della Repubblica ci ha incaricato dell’assistenza operativa sulla basedati GEA detenuta dall’Archivio storico.

Committente: Senato della Repubblica

Il lavoro è stato svolto da Raffaella Di Lucente e Leonardo Musci.

Sindacato pensionati italiani – SPI CGIL. Archivio corrente

2008

Allo scopo di applicare alla gestione dell’archivio corrente SPI-CGIL nuove regole e procedure per la formazione dei fascicoli, abbiamo studiato un piano di classificazione in consonanza con la struttura dell’archivio già formato.

Committente: Sindacato pensionati italiani - SPI CGIL

Il lavoro è stato curato da Susanna Oreffice.

Sindacato pensionati italiani – SPI CGIL. Archivio storico

2003-2005, 2008, 2012

Con un primo intervento abbiamo impiantato l’archivio storico del sindacato, selezionando per la conservazione illimitata documentazione prodotta nel periodo 1955-2000 e procedendo alla schedatura, eseguita con il software Highway, all’ordinamento e all’inventariazione. Versamenti successivi hanno determinato la necessità di altri interventi, volti da un lato a selezionare la documentazione da conservare e dall’altro a eseguirne la schedatura, rivedendo e arricchendo l’inventario informatizzato. A completamento del primo intervento di schedatura, verificata la presenza di numerose e importanti lacune documentarie, abbiamo eseguito una ricerca per la redazione di un repertorio di fonti per la storia dello SPI-CGIL.

Committente: Sindacato pensionati italiani - SPI CGIL

La prima fase del lavoro è stata svolta da Cristina Saggioro e Elisabetta Tarsia con la supervisione di Susanna Oreffice; ha collaborato Serenella Abbatini. Alle fasi successive di schedatura e ordinamento hanno partecipato Sonja Moceri, Lucia R. Petese, Ilaria Romeo, Ornella Stellavato e Patrizia Ventura. La ricerca documentaria è stata svolta da Ilaria Romeo e Cristina Saggioro.

SIUSA – Immissione schede

2015-2016

Abbiamo inserito in SIUSA le schede dei 211 archivi comunali delle province di Roma e Frosinone con redazione dei profili di soggetto produttore, complesso archivistico, soggetto conservatore e strumento di ricerca.

Il lavoro è stato svolto da Erika Vettone.

Società Birra Peroni

2011-2012

Il primo incarico ha riguardato il riordinamento e la descrizione delle serie del fondo Wührer (1935-1989) e della documentazione afferente alle sezioni Direzione amministrativa e segreteria societariaContabilità generaleMarketingTrade marketing del fondo Società Birra Peroni. Il lavoro è stato eseguito con il software GEA 4, in uso presso l’archivio storico. In fase di ricognizione abbiamo steso un elenco di documentazione proposta per lo scarto. Questi inventari sono pubblicati sul sito dell’archivio storico Birra Peroni (ma raggiungibili solo tramite ricerca delle singole schede).

Committente: Birra Peroni

Il lavoro è stato svolto da Susanna Oreffice e Cristina Saggioro.

Società Birra Peroni

2013

Prosecuzione del lavoro di censimento della documentazione di produzione recente con il riordinamento e la descrizione delle serie della sezione Direzione acquisti, l’elenco delle unità archivistiche della sezione Direzione tecnica e tecnologica del fondo Società Birra Peroni e l’ordinamento e l’inventariazione del subfondo Stabilimento di Roma. Tra le carte di quest’ultimo fondo sono stati individuati e trattati a parte i documenti prodotti dal Consiglio di fabbrica dello stabilimento. Questi inventari sono pubblicati sul sito dell’archivio storico Birra Peroni (ma raggiungibili solo tramite ricerca delle singole schede).

Committente: Birra Peroni

Il lavoro è stato svolto da Lucia Petese e Cristina Saggioro.

Società psicoanalitica italiana – SPI

2011, 2013-2017

Fra 2011 e 2013 abbiamo realizzato un intervento organico sull’archivio storico della Società psicoanalitica italiana che ha prodotto il riordinamento generale dell’archivio e la sua digitalizzazione integrale con l’eccezione della serie Casi clinici con redazione finale delle schede SIUSA. L’incarico ha compreso una consulenza sull’organizzazione dell’archivio corrente. Abbiamo inoltre curato una ricerca di finanziamenti per attività archivistiche e impostato un progetto per partecipare al Programma cultura dell’Unione europea 2007-2013. Quanto realizzato è stato illustrato all’Assemblea dei soci della SPI del 3 marzo 2013 ed è stato oggetto di un breve filmato da noi realizzato sulla storia della Società psicoanalitica italiana e sul suo archivio, proiettato nell’ambito del XVII Congresso della SPI (Milano, 22-25 maggio 2014).
Dal 2014 curiamo l’assistenza ai ricercatori in sala di studio.

Committente: Società psicoanalitica italiana - SPI

Il lavoro è stato svolto da Susanna Oreffice e Nicoletta Valente. La realizzazione del filmato è opera di Simona Foà e Nicoletta Valente. 

Somenzi Vittorio, filosofo della scienza

2010

Vittorio Somenzi (1918-2003) si laurea in fisica con Giovannino Gentile e dopo un percorso molto particolare arriva a ricoprire la cattedra di filosofia della scienza all’Università di Roma per diversi anni. Scienziato dalla forte personalità, curioso, vivace, passionale e competente in diverse branche della conoscenza scientifica, umanistica e artistica, è stato un maestro estremamente disponibile verso il lavoro altrui e in particolare dei suoi allievi.
Il suo archivio è conservato presso il Dipartimento di Fisica dell’Università di Roma La Sapienza. Il fondo (847 fascicoli in 160 scatole, 1895-2003) contiene materiale preparatorio per i suoi scritti, appunti, corrispondenza, pubblicazioni e documenti diversi. L’inventario è consultabile sul sito del Dipartimento di Fisica.

Committente: Università degli studi di Roma La Sapienza. Dipartimento di Fisica

Il lavoro di ordinamento e inventariazione è stato svolto da Nicoletta Valente in collaborazione con Serafina Desiderio e Valentina Stazzi.

Soprintendenza per i beni archeologici del Lazio

2008-2009, 2012-2014

L’intervento di ricognizione archivistica, selezione per lo scarto ed elaborazione dell’elenco di consistenza ha interessato sia l’archivio storico che quello di deposito della Soprintendenza per i beni archeologici del Lazio. Per consentire i lavori di ristrutturazione dei locali adibiti ad archivio, le carte sono state trasferite presso un deposito, dove si è fisicamente svolto il lavoro di schedatura sommaria. Completati i lavori, l’archivio è stato predisposto per il rientro e la ricollocazione secondo criteri più funzionali. Il lavoro di sistemazione della documentazione si è svolto contestualmente alla ricognizione di quella ancora conservata negli uffici.

Committente: Ministero per i beni e le attività culturali. Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Lazio

Coordinato da Susanna Oreffice e Nicoletta Valente, hanno partecipato ai lavori Marzia Azzolini, Alex Nicora, Nicola Pastina, Augusto Santocchi, Valeria Sisti e Ornella Stellavato.

Soprintendenza per i beni storici, artistici ed etnoantrolopogici della Puglia

2013

La Soprintendenza per i beni storici, artistici ed etnoantrolopogici della Puglia ci ha incaricato di redigere una proposta operativa per la migliore funzionalità dell’archivio dell’ufficio. Visite e interviste (sia nella sede che in Archivio di Stato di Bari dove è conservata una parte della documentazione di interesse della Soprintendenza) sono state preliminari alla consegna dell’elaborato che ha preso in considerazione anche l’aspetto degli strumenti informatici a disposizione dei funzionari per i compiti di vigilanza e tutela.

Committente: Soprintendenza per i beni storici, artistici ed etnoantropologici della Puglia

Il lavoro è stato curato da Leonardo Musci, Susanna Oreffice e Nicola Pastina.

Spirito Ugo, filosofo

1992-1993, 2003

Ugo Spirito (1896-1979) è stato uno dei più versatili filosofi italiani del XX secolo. Di matrice gentiliana, sostenitore durante il fascismo di un corporativismo “proprietario”, ha riflettuto sui rapporti tra scienza e filosofia e sulle forme dell’economia politica.
Tra 1992 e 1993 abbiamo realizzato l’ordinamento e la schedatura informatizzata della preziosa corrispondenza di Ugo Spirito costituita da circa 13.500 fra lettere, biglietti e cartoline. Sono stati individuati quasi tutti i corrispondenti e indicizzati gli antroponimi citati. Utilizzando i codici numerici della bibliografia degli scritti di Spirito, curata da A. Tamassia, sono stati anche segnalati i documenti nei quali si parla di articoli, saggi o volumi del filosofo; la schedatura ha permesso di integrare alcune lacune della bibliografia.
Nel 2003 la schedatura è stata migrata nel software GEA, utilizzato dalla Fondazione Ugo Spirito e Renzo De Felice nell’ambito del progetto Archivi del Novecento. Il lavoro è ora consultabile sul sito di Lazio’900.

Committente: Fondazione Ugo Spirito e Renzo De Felice

Il lavoro di schedatura è stato svolto da Marco Grispigni, Emanuela Mazzina e Leonardo Musci. La migrazione è stata curata da Giovanna Mattino e Leonardo Musci.

Strumenti didattici basati sul metodo Pizzigoni

2012-2013, 2017

Il lavoro riguarda la catalogazione di materiale didattico ed elaborati degli alunni di scuola materna educati secondo il metodo pedagogico messo a punto nel 1907 da Giuseppina Pizzigoni (1870-1947), fondatrice della Scuola Rinnovata di Milano. La raccolta è conservata dalla Biblioteca Angelo Broccoli.
A un primo intervento di catalogazione effettuato nel 2012 (per i cui risultati si rimanda all’articolo pubblicato in «Il Mondo degli archivi», 10/2012), ne segue uno in corso, relativo a materiale giunto nel 2016, che sfrutta la nuova piattaforma ALMA, recentemente adottata dall’Università di Roma Tre.

Committente: Università degli studi Roma Tre. Dipartimento di Scienze della formazione. Museo storico della didattica Mauro Laeng

Il lavoro è coordinato da Nicoletta Valente con la supervisione scientifica della prof.ssa Sandra Chistolini. Il primo intervento di catalogazione è stato svolto da Luisa Vietri, il secondo da Giorgia Tulli.

Studio legale Pertile, Roma

2009-2010

Lo studio legale Pertile di Roma ci ha chiesto di razionalizzare il suo sistema di archiviazione. Un primo intervento ha avuto lo scopo di riordinare la documentazione pregressa, ottimizzare gli spazi e ridurre il volume delle carte conservate; la ricognizione finalizzata al censimento e allo scarto ha permesso di individuare, attraverso l’analisi delle carte, esigenze e criticità nella formazione e conservazione dell’archivio. Successivamente è stato elaborato un piano di classificazione semplice e funzionale e predisposto un regolamento che in pochi punti delineasse le azioni da svolgere in fase di produzione, fascicolazione e conservazione. Entrambi gli interventi sono stati, in ogni fase, condivisi con le impiegate della segreteria, coinvolte in prima persona nel progetto di ordinamento e riorganizzazione.

Committente: Studio legale Pertile, Roma

Susanna Oreffice ha curato il lavoro.

Telecom Italia

2002-2011

Per oltre dieci anni abbiamo curato l’indicizzazione informatizzata della rassegna stampa quotidiana, nazionale ed estera, di Telecom Italia per l’utilizzo da parte di utenti interni. È stato utilizzato un thesaurus elaborato dall’Azienda, aggiornato periodicamente anche sulla base delle nostre proposte di integrazione.

Committente: Telecom Italia

Al lavoro hanno partecipato, in fasi diverse, Fabio Fertig, Patrizia Gabrielli, Margherita Karen Hassan, Cristina Menghini, Alex Nicora, Claudia Perino e Paola Zerbino.

Torraca Giorgio, chimico

2013

Giorgio Torraca (1927-2010) ha affrontato le problematiche legate al restauro e alla conservazione dei monumenti, prima come collaboratore dell’Istituto centrale per il restauro poi come vicedirettore dell’ICCROM (Centro internazionale di studi per la conservazione ed il restauro dei beni culturali) e infine come libero professionista. Il suo archivio conserva la documentazione cartacea relativa agli interventi progettati ed eseguiti, i campioni dei materiali prelevati dai monumenti, le fotografie scattate durante i lavori.
Il nostro incarico ha previsto la schedatura, il ricondizionamento e la digitalizzazione, con l’associazione tra schede descrittive e materiale digitalizzato, dei documenti di diversa tipologia (cartacei, fotografici, planimetrici, video, reperti di campioni) relativi all’intervento eseguito da Torraca sul Tabularium al Campidoglio. Per la schedatura, redatta in lingua inglese, è stato utilizzato il software di descrizione archivistica ICA-AtoM, in uso presso l’ICCROM. È stata inoltre fatta una ricognizione generale dell’archivio in vista di un intervento complessivo.

Committente: ICCROM - International Centre for the Study of the Preservation and Restoration of Cultural Property

Il lavoro è stato curato da Cristina Saggioro.

Treccani 1925-2015 La Cultura degli Italiani

2014-2015

In occasione del novantesimo anno della fondazione, l’Istituto ci ha incaricato di selezionare dal suo archivio storico alcuni documenti significativi della sua vicenda storica da pubblicare nel volume celebrativo dell’evento a cura di Tullio Gregory.

Committente: Istituto della Enciclopedia italiana fondata da Giovanni Treccani

La ricerca è stata svolta da Alessandra Cavaterra con il coordinamento di Leonardo Musci.

Unioncamere – Unione italiana delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura

2007-2008

L’inventario dell’archivio storico di Unioncamere (81 buste, 1946-1979) è stato pubblicato come secondo volume dell’opera La storia dell’Unione italiana delle camere di commercio (Unioncamere, Roma, 2008).

Committente: Unioncamere - Unione italiana delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura

Roberta Sibbio ha curato l'intero ciclo operativo. All'inventario a stampa ha collaborato Leonardo Musci.

Unione delle camere di commercio italiane (1901-1926)

2004-2006

Quando il regime fascista abolì le camere di commercio istituendo i consigli provinciali dell’economia come organismi statali (1927), fu decretata anche la fine dell’Unione delle camere di commercio italiane, istituita nel 1901. Il suo archivio fu passato alla Camera di commercio di Roma, ma vicende successive ne fecero perdere le tracce.
Sulla base di tale premessa abbiamo proposto e realizzato per Unioncamere un progetto di ricerca di documenti della prima Unione da realizzarsi in un nutrito numero di archivi, primi fra tutti quelli delle principali camere di commercio. Il lavoro ha prodotto la schedatura con il software GEA 4 di circa 3.000 documenti dell’Unione, organizzati “virtualmente” sulla base delle presumibili serie archivistiche originarie. Il risultato del lavoro ha costituito materia per la redazione de La storia dell’Unione italiana delle camere di commercio. I: Prime considerazioni dai documenti dell’archivio storico (1901-1979), Unioncamere, Roma, 2008.

Committente: Unioncamere - Unione italiana delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura

Il progetto, ideato da Leonardo Musci, è stato realizzato da Roberta Sibbio, avvalendosi della collaborazione di archivisti di diverse regioni (tra i principali Saverio Amadori e Cristina Terrile).

Unione italiana del lavoro – UIL

1999-2000, 2007-2011

Un primo intervento ha prodottouna guida che desse conto dell’articolazione storica della UIL in servizi e uffici, rendesse possibile l’orientamento tra il materiale archivistico e ne delineasse alcune caratteristiche generali. La guida interessa le carte del periodo 1950-1992, contenute in oltre 2.200 unità di conservazione.
In fasi successive abbiamo poi riordinato e inventariato, con il software GEA 4, diverse serie, tra cui quelle degli organi statutari, della Segreteria generale, di alcuni servizi. Il lavoro è stato svolto nell’ambito del progetto Archivi on-line, finanziato dal Senato della Repubblica.

Committente: Unione italiana del lavoro - UIL

La guida è stata realizzata da Marco Grispigni (coordinatore) e Nicola Pastina. Il lavoro di ordinamento e inventariazione è stato curato da Nicola Pastina (coordinatore), Lucia R. Petese e Roberta Sibbio.

Unione nazionale italiana trasporto ammalati a Lourdes – UNITALSI

2015

La Fondazione Giovan Battista Tomassi è stata costituita nel 2007 dall’assemblea nazionale dell’Unione nazionale italiana trasporto ammalati a Lourdes e santuari internazionali – UNITALSI e intitolata all’ideatore dell’Unione. Il principale scopo statutario è la conservazione e la valorizzazione dell’archivio storico dell’UNITALSI e la ricerca e acquisizione di altri fondi archivistici e librari collegati con la storia dell’Unione. Per il lavoro di descrizione e ordinamento dell’archivio cartaceo è stata utilizzata la piattaforma open source CollectiveAccess. Oltre ad aver eseguito la personalizzazione del profilo descrittivo secondo le esigenze del lavoro, abbiamo curato la formazione e l’affiancamento nelle prime fasi di utilizzo del software. In seguito la base dati è passata sulla nuova piattaforma Archiui. Il risultato è visibile sul sito dell’archivio.

Committente: Fondazione Giovan Battista Tomassi

Il lavoro è stato svolto da Cristina Saggioro.

Università agraria Aldo Manuzio di Bassiano

1995-1996

Nell’ambito del riordinamento dell’archivio comunale di Bassiano è stato realizzato negli anni 1995-1996 un intervento specifico d’inventariazione sul fondo dell’Università agraria, istituita nel 1907 dopo la risoluzione del contenzioso storico tra il Comune e la famiglia Caetani sulle terre gravate da antichi usi civici. L’archivio documenta bene il regime di conduzione delle “terre comuni” e in particolare le vicende della cessione coatta di una parte di esse all’Opera nazionale combattenti nel piano della bonifica dell’Agro pontino.
L’inventario è consultabile sul sito del progetto Rinasco.

Committente: Comune di Bassiano (Latina)

La schedatura è stata realizzata da Marco Grispigni, Emanuela Mazzina, Leonardo Musci (che ha curato l'inventario) e Nicoletta Valente.

Vannucchi Luigi, attore

2008

Luigi Vannucchi (1931-1978) è stato attore poliedrico: di formazione teatrale classica, impegnato con le maggiori compagnie tra anni Cinquanta e Settanta, ha altresì lavorato per sceneggiati televisivi di larga popolarità, nel cinema e nella pubblicità.
Su iniziativa della figlia Sabina, attenta custode della memoria del padre, abbiamo ordinato e inventariato il suo archivio.

Committente: Vannucchi Sabina

L'inventario è stato curato da Nicoletta Valente.

Vannucchi Luigi, attore

2009

A conclusione del lavoro di inventariazione dell’archivio di Luigi Vannucchi abbiamo progettato e realizzato, con il contributo del Comune di Roma (Dipartimento Politiche culturali e della comunicazione) e della Soprintendenza archivistica per il Lazio, la mostra documentaria V come Vannucchi – A come attore: l’eleganza del gesto e della parola, aperta nell’aprile-maggio 2009 presso la Casa dei teatri di Roma. Chi se l’è persa si accontenti di questo.

Committente: Comune di Roma. Dipartimento Politiche culturali e della comunicazione - Soprintendenza archivistica per il Lazio

Nicoletta Valente ha ideato la mostra. Alla sua realizzazione hanno contribuito Paola Cagiano, Serafina Desiderio, Sabina Vannucchi e per la parte grafica Diana Oreffice.

Videoteca della Fondazione Bettino Craxi

2011

La videoteca della Fondazione Craxi conserva materiale prodotto dalle strutture di propaganda del Partito socialista italiano e materiale proveniente dagli archivi RAI (interviste, servizi giornalistici, telegiornali) relativi agli anni della segreteria Craxi. Il patrimonio è stato interamente digitalizzato. La schedatura ha identificato eventi e contesti di produzione del materiale.
l’inventario e la schedatura sono consultabili sul sito del progetto Lazio’900.

Committente: Fondazione Bettino Craxi

La schedatura e l'associazione schede/immagini è stata curata da Leonardo Musci.

Villi Claudio, fisico

2001-2002

L’archivio di Claudio Villi (63 scatole, 1949-1996) è al momento l’unico dei fondi custoditi presso il Dipartimento di fisica dell’Università degli studi di Roma “La Sapienza” relativo a uno scienziato che non ha svolto la propria attività nell’ateneo romano. Esso è stato acquisito nel 1998, per evitare il rischio di dispersione, dal Dipartimento di fisica di Padova dove Villi (1922-1996) ha insegnato a partire dal 1961. Comprende una prima sezione che annovera in prevalenza corrispondenza amministrativa soprattutto relativa all’Università di Padova, e la sezione dell’Istituto nazionale di fisica nucleare (INFN) e altre istituzioni scientifiche o culturali dell’ambito padovano. La seconda raccoglie materiale relativo all’impegno parlamentare e politico (antifascista, nel 1976 viene eletto senatore come indipendente nelle liste del PCI) e alla sua attività in campo universitario e scientifico.
L’inventario si può consultare sul sito del Dipartimento di Fisica.

Committente: Università degli studi di Roma La Sapienza. Dipartimento di Fisica

L'inventario è di Emanuela Mazzina. La corrispondenza è stata schedata da Nicoletta Valente e Cristiana Pipitone.

Istituto mobiliare italiano – IMI

2009

In occasione della dismissione della sede storica dell’Istituto mobiliare italiano di viale dell’Arte a Roma, abbiamo dato consulenza per la ricognizione della documentazione ancora conservata nell’archivio e negli uffici. È stato stilato un elenco dei documenti da versare in archivio storico e un elenco di documenti da proporre per lo scarto.

Committente: Italarchivi srl

Il lavoro è stato curato da Susanna Oreffice.

Istituto mobiliare italiano – IMI

2002-2007

Nel 2002, per un rinnovato impulso dato dall’Istituto bancario San Paolo IMI all’attività di valorizzazione del patrimonio documentario storico dell’Istituto mobiliare italiano, ci è stato affidato un progetto di schedatura delle operazioni di mutuo fino alla pratica n. 20.000 (anni ’70). Preliminare è stata la complessa progettazione dell’applicativo per il quale fornimmo consulenza a una ditta incaricata dall’IMI di realizzarlo. Parallelamente alla schedatura è stato elaborato un elenco topografico.
Su questa materia si veda Mario De Luca Picione e Susanna Oreffice, L’Archivio storico dell’Istituto Mobiliare Italiano. La schedatura informatica delle operazioni di mutuo, in «Archivi & Computer», 2006, n. 2, pp. 83-92.

Committente: Istituto bancario San Paolo IMI

Il progetto di schedatura, coordinato da Leonardo Musci e Susanna Oreffice, è stato realizzato da un gruppo di lavoro cui hanno partecipato nel corso del tempo: Barbara De Iudicibus, Federica Frisenda, Paola Getuli, Alex Nicora, Elena Pozzan, Ilaria Romeo, Cristina Saggioro, Elisabetta Tarsia.

Istituto mobiliare italiano – IMI

1998

In vista della fusione tra San Paolo e IMI (novembre 1998) l’Istituto, su forte stimolo della Soprintendenza archivistica per il Lazio, ci incaricò di realizzare una guida generale all’archivio IMI. Il lavoro è stato edito Guida all’archivio storico dell’Istituto mobiliare italiano S.p.A. per la quale fu ampiamente sfruttato il lavoro di censimento già svolto. Come nelle migliori tradizioni, gli autori della Guida non compaiono nel frontespizio.

Committente: Istituto mobiliare italiano - IMI

La Guida è stata realizzata da Marco Grispigni, Leonardo Musci e Susanna Oreffice.

Istituto mobiliare italiano – IMI

1996-1997

Il censimento dell’archivio dell’IMI fu avviato nel 1995 dopo che gli archivi degli istituti bancari di diritto pubblico erano stati sottoposti a dichiarazione di notifica di interesse storico da parte delle Soprintendenze in seguito alla c.d. legge Amato.
Il lavoro portò alla stesura di un primo robusto elenco di consistenza. Fu allora elaborato un piano di studio e ordinamento dell’archivio cui si accompagnò la scelta del software di descrizione (una personalizzazione di Highway della società 3D). Il lavoro venne interrotto dall’Istituto per sue autonome, poco comprensibili, scelte aziendali.

Committente: Istituto mobiliare italiano - IMI

Il lavoro è stato svolto da Marco Grispigni, Leonardo Musci e Susanna Oreffice.

Ordine degli psicologi del Lazio

2014

Le attività di consulenza svolte riguardano diversi ambiti:
– ricognizione dell’archivio cartaceo, finalizzata da un lato alla selezione per la conservazione e lo scarto e dall’altra a un’analisi preliminare per un successivo intervento più di dettaglio funzionale alla valorizzazione dell’archivio storico;
– digitalizzazione di verbali e delibere e revisione dei documenti già in formato digitale, a completamento di un lavoro già impostato;
– revisione del piano di classificazione in uso ed elaborazione di un regolamento per la produzione e l’organizzazione documentale;
– individuazione di soluzioni informatiche per la gestione documentale, sviluppando il programma già in uso.

Committente: Ordine degli psicologi del Lazio

Il lavoro è stato svolto da Susanna Oreffice, coadiuvata da Cristina Saggioro.

Patrimonio fotografico dell’Accademia nazionale delle scienze detta dei XL

2016

Abbiamo avuto l’incarico di individuare il materiale fotografico presente nei fondi archivistici inventariati e in un fondo fotografico autonomo che si è costituito in occasione di eventi organizzati dall’Accademia.

Committente: Accademia nazionale delle scienze detta dei XL

Il lavoro è stato curato da Nicoletta Valente.

Archivi Benetton

2015

Benetton Group ci ha incaricato di curare l’impianto di una stazione di lavoro Collective Access per l’archivio storico aziendale e per Fondazione Benetton Studi e Ricerche. L’attività, svolta in collaborazione con Promemoria, prevede una fase di formazione, analisi dati e migrazione dall’ambiente GEA ed è preliminare alla progettazione delle uscite web di entrambe le entità.

Committente: Benetton Group

Il lavoro è stato seguito da Leonardo Musci e Cristina Saggioro.

Banca d’Italia

1992

Nell’ambito delle attività dell’Ufficio ricerche storiche della Banca d’Italia abbiamo svolto una ricerca nel fondo Vigilanza dell’Archivio storico mirante al reperimento di particolari tipologie documentarie.

Committente: Banca d'Italia

Il lavoro è stato svolto da Stefania Glori ed Emanuela Mazzina.

Associazione italiana leasing – ASSILEA

1998

La consulenza ha riguardato la stesura di una proposta di riforma del servizio di protocollo/archivio allo scopo di razionalizzare l’attività di distribuzione e gestione della documentazione prodotta e ricevuta. L’elaborato descrive dettagliatamente le procedure relative al trattamento della corrispondenza in arrivo e in partenza e della registrazione di protocollo e propone una bozza del quadro di classificazione.

Committente: Associazione italiana leasing - ASSILEA

Il lavoro è stato svolto da Leonardo Musci e Susanna Oreffice.

Comune di Zagarolo

1997, 1999

Con fondi provenienti dalla Regione Lazio (Piani triennali di valorizzazione degli archivi di enti locali) sono stato realizzati il riordinamento e l’inventariazione dell’archivio storico del Comune di Zagarolo, ospitato nel restaurato palazzo Rospigliosi. Conserva purtroppo poche carte del periodo preunitario, ma è integro per la parte postunitaria.

Committente: Comune di Zagarolo (Roma)